Il futuro al CES di Las Vegas


L’auto da corsa del futuro avrà una forma improntata unicamente alla massima efficienza aerodinamica, un abitacolo logicamente minimal tuttavia dotato dei più sofisticati device multimediali per tenere sotto controllo le funzioni della vettura (sempre più tecnologicamente avanzate: non ultima la filosofia di guida autonoma, un traguardo al quale puntano la maggior parte delle principali Case auto). Soprattutto, sarà dotata di propulsione elettrica, un obiettivo che – con il contestuale sviluppo tecnologico delle batterie finalizzato a una maggiore autonomia – si prospetta sempre più accessibile. In ultimo, ma non meno importante, lo studio di supercar elettriche di nuova generazione tornerà utile per lo sviluppo di modelli stradali tecnologicamente avanzati.

Ecco, in estrema sintesi, la carta d’identità di FFZero1 Concept, avveniristico prototipo che il giovane marchio californiano Faraday Future ha presentato al CES 2016 di Las Vegas, la rassegna internazionale dell’elettronica di consumo.

Chiamata a recitare un impegnativo ruolo di concorrente nei confronti di Tesla – “punta di diamante” internazionale nel settore dei veicoli elettrici – la Faraday Future FFZero1 Concept si segnala per una lunga serie di caratteristiche: un sapiente impiego delle forme in chiave aerodinamica, l’utilizzo di Carbonio e materiali compositi, soluzioni hi-tech di ausilio alla guida.

I progettisti californiani che hanno condotto i piani di Faraday Future FFZero1 Concept non rilasciano, per il momento, alcuna indicazione sul peso complessivo del prototipo; tuttavia è possibile attendersi che la bilancia non venga gravata troppo, tenuto conto che il corpo vettura (curiosamente simile alle avveniristiche supercar che compaiono nei videogame di Vision Gran Turismo, ma è possibile ritenere che si tratti di una casualità) si avvale di un telaio – sviluppato su una piattaforma modulare specifica, chiamata VPA, cioè “Variable Platform Architecture”, disegnata “in casa” da Faraday Future – e di una carrozzeria realizzata con l’impiego di fibra di Carbonio e materiali compositi.

Date le finalità corsaiole che si è voluto conferire al prototipo esposto al CES 2016 di Las Vegas, la Faraday Future FFZero1 Concept è stata dotata di un abitacolo monoposto, nel quale sono state volutamente sottolineate soluzioni di tecnologia di ultima generazione anche attraverso un’impostazione “minimale” del posto di guida e della strumentazione. In funzione delle massime praticità di guida ed ergonomia anatomica, il sedile risulta inclinato di 45°. Al centro del volante, un display fa bella mostra di sé: sono contenute tutte le informazioni di controllo della vettura e tutte le sue funzionalità. In un secondo momento, anticipano i tecnici di Faraday Future, la tecnologia di bordo beneficerà delle funzioni di guida autonoma.

Riguardo all’impostazione powertrain, è interessante notare che la Faraday Future FFZero1 Concept viene equipaggiata con quattro motori elettrici, ciascuno dei quali agente su ogni singola ruota, in modo da poter ottenere la trazione integrale. L’alimentazione viene assicurata da un modulo di batterie ai polimeri di litio, collocate al centro del pianale, per garantire un favorevole baricentro e agire positivamente sulla tenuta di strada. La potenza complessiva dei quattro motori elettrici che equipaggiano il prototipo Faraday Future FFZero1 Concept è di oltre 1.000 CV. Decisamente in linea con gli obiettivi voluti dai tecnici californiani le prestazioni velocistiche annunciate per Faraday Future FFZero1 Concept: velocità massima di 320 km/h e scatto da 0 a 100km/h in meno di 3 secondi.

 


Leggi anche

The chassis patented by BMW is similar to that of the supersport S1000RR. The innovation lies in the composition of composite panels from different materials (carbon fiber, aramid and synthetic composite) that are screwed to the structure to change the resistance…

Leggi tutto…

The biennial agreement was renewed between the racing team of the university, Unibo Motorsport, and the Ducati Foundation. thanks to the sponsorship and technical support of Ducati, strengthens the partnership that allows the team of the University of Bologna to give students innovative training courses and to carry on the Unibo Motostudent project on the track, in international races, with an electric motorbike designed by the students…

Leggi tutto…

The Badger camper is a new line of campers offered by GEO-cab that installs directly to the source vehicle, even a smaller truck or SUV. Thanks to carbon fiber construction inside and out, the Badger is at the same time lightweight and strong, and don’t add a significant amount of mass to their donor vehicles…

Leggi tutto…

Il corso di perfezionamento in “Ingegneria dei Materiali Compositi” organizzato dall’Università Politecnica delle Marche giunge alla terza edizione. Il corso, che avrà una durata di 120 ore e conferirà 12 CFU, si propone di fornire le nozioni necessarie per affrontare tutti gli aspetti inerenti il mondo dei compositi, partendo dalle fasi costituenti i compositi fino alla caratterizzazione del componente finito….

Leggi tutto…

Bcomp, Swiss sustainable lightweighting specialist, will provide its natural fiber composite solutions for the nine cars Spark Odyssey all-electric SUVs competing in the inaugural season of the Extreme E Championship. This is an FIA-sanctioned international off-road racing series that seeks to highlight the impact of climate change while promoting sustainability and the adoption of electric vehicles….

Leggi tutto…