Il futuro della mobilità è legato allo sviluppo dei materiali compositi

Negli ultimi decenni si è assistito a un rafforzamento continuo e significativo di tutte quelle applicazioni dove l’utilizzo di materiali evoluti, quali per esempio i compositi a fibra di carbonio, ha consentito notevoli risparmi in termini di peso. In ambito automotive il cambiamento è dovuto alla sempre più alta diffusione dei motori elettrici e alle restrizioni legate alle emissioni di CO2 proprie dei motori endotermici. Mind Composites è al centro di questa evoluzione e durante il 2018 si è occupata della  produzione di elementi strutturali e di parti di carrozzeria con entrambi i tipi di alimentazione. 

Mind Composites è specializzata nell’ingegnerizzazione e  produzione di componenti in fibra di carbonio e sviluppa progetti per il settore automotive, aerospace, nautico e medicale.

 
 
Alcuni passaggi chiave dell’intervista a Francesco Varrasi


Qual è il valore aggiunto di Mind Composites in questo settore?

Il nostro obiettivo è quello di innovare per ridurre sensibilmente il costo di trasformazione del carbonio e per rendere accessibile l’utilizzo dei materiali compositi non solo al mondo delle supercars ma anche a mercati con produzioni potenzialmente molto più grandi, quale quello legato all’elettrificazione delle vetture.
Per raggiungere questi obiettivi la nostra forza è l’integrazione tra ingegneria di prodotto e di processo ed il manufacturing. Siamo nati come engineering e vogliamo continuare a conservare il nostro DNA di innovazione con una specializzazione al mondo dei materiali compositi. E proprio per questa verticalizzazione delle nostre competenze e per meglio connotarci sul mercato, ci siamo trasformati in Mind Composites.

Per innovare bisogna saper investire.

Senza dubbio. Per questo motivo, nel 2015, abbiamo fatto un ulteriore passo in avanti. Fino ad allora abbiamo lavorato integrando i fornitori esterni. Con il passaggio successivo, abbiamo puntato sul manufacturing, racchiudendo in uno stesso ambiente sia l’area ingegneristica che la possibilità di produrre utilizzando le principali tecnologie di trasformazione del composito. L’obiettivo è dare la possibilità ai nostri clienti di entrare nel nostro plant con un’idea di sviluppo ed uscire con un prodotto finito.
 

Come avete operato?

Abbiamo acquistato un nuovo capannone industriale, assunto nuovi tecnici, investito in nuovi macchinari. Questo ha permesso, nel 2018, di arrivare ad un fatturato di 18 milioni di euro tra produzione ed ingegneria. Per raggiungere nuovi obiettivi, è necessario investire in ricerca e in moderne strumentazioni.


Come si sta indirizzando il mercato dei materiali compositi?

Viste le attuali regolamentazioni, qualsiasi sviluppo sulla mobilità deve tenere conto del necessario abbattimento degli agenti inquinanti. Da qui ad esempio nasce l’inarrestabile trend dello sviluppo di veicoli elettrici.
Il peso è un elemento chiave per chi produce auto o, in genere, per i mezzi di trasporto e per raggiungere l’obiettivo della riduzione del peso delle strutture, si passa anche  per il materiale composito.

 

 
 
Il futuro dei trasporti ruota attorno al peso?

Faccio un esempio pratico: per la completa affermazione della mobilità elettrica su ruote è necessario che i mezzi possano percorrere distanze medio/lunghe. Considerato che l’inserimento delle batterie può gravare sul peso per oltre 250 kg, se si vuole dare maggiore range di autonomia il peso delle strutture del veicolo deve necessariamente diminuire. Con l’unione di capacità ingegneristica e competenza nella trasformazione di materiali compositi possiamo concentrarci sullo sviluppo di strutture leggere e performanti.

 

Qual è il futuro del vostro settore?

Le ricerche di mercato dicono che ci sarà una crescita verticale dell’utilizzo dei compositi. La spinta dell’industria automotive di massa porterà ad una sempre maggiore richiesta di componenti in carbonio. Le norme portano all’alleggerimento delle strutture e, dunque, l’ulteriore sviluppo di questo settore sarà inevitabile. Ma quanto saremo in grado di produrne e trasformare materiali compositi? Si entrerà velocemente in un mercato dove la domanda è maggiore di quella odierna e probabilmente rimarranno solo quei player che sono stati capaci di innovare, sfruttando le economie di scala. Fare di più con meno risorse.
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 


Leggi anche

Alpha rocket, produced by the house Firefly Aerospace, will be upgraded using the automatic carbon fiber spreading process. The new automated rocket manufacturing sites will create several advantages, such as reduced composite material waste, manpower, construction time, structure weight, and overall costs….

Leggi tutto…

La Scuola estiva materiali compositi prenderà il via dal 15 al 17 settembre in 3 sessioni pomeridiane online attraverso la piattaforma “Compositi Live Webinar”.
La Scuola è rivolta a tecnici e progettisti, ricercatori, studenti che desiderano approfondire le proprie competenze su proprietà, tecnologie di processo, progettazione e nuove applicazioni. Qui di seguito l’abstract dell’intervento dal titolo “Thermoplastic Composites: current production and new developments in Aerospace” che terrà Arnt Offringa, GNK Fokker….

Leggi tutto…

University of Illinois composite manufacturing methods

Le ali degli aeroplani, le pale delle turbine eoliche e altre parti di grandi dimensioni vengono in genere create utilizzando la polimerizzazione in massa (bulk polymerization), che richiede l’impiego di enormi autoclavi. La frontal polymerization è un nuovo metodo per la produzione dei compositi che al contrario non necessita di un investimento in grandi strutture. I ricercatori dell’Università dell’Illinois a Urbana-Champaign hanno condotto uno studio, mettendo i due processi a confronto per valutare i rispettivi pro e contro…

Leggi tutto…

UK Aerospace funding

Il governo del Regno unito e il mondo dell’industria annunciano progetti di ricerca e sviluppo aerospaziali all’avanguardia, supportati da finanziamenti del settore pubblico e privato per 400 milioni di sterline…

Leggi tutto…

Aperte le iscrizioni per la Scuola Estiva Materiali Compositi 2020

Quest’anno la Scuola Estiva Materiali Compositi si svolgerà online e in collaborazione con Compositi Magazine e la piattaforma Compositi Live Webinar. L’evento si svolgerà in tre sessioni pomeridiane nelle giornate del 15, 16 e 17 settembre. È possibile iscriversi sia a una sola sessione, che a due o a tutte e tre. Iscriviti ad ogni sessione a cui vuoi partecipare, effettuando una singola registrazione per ciascuna. L’iscrizione verrà ritenuta valida una volta ricevuta la contabile del bonifico….

Leggi tutto…