Il Gruppo Reglass

Il Gruppo Reglass, oltre 100 anni di attività, da più di 40 opera nel campo dei materiali compositi avanzati della fibra di carbonio. Resine polimeriche e fibre di carbonio vengono trasformate in fogli di pre-impregnato (prepreg) per produrre tubi altamente performanti. A supporto, l’attività di ricerca e sviluppo che si svolge nei laboratori aziendali in collaborazione con Università e centri di ricerca.

 

I prodotti tubolari in fibra di carbonio
per lo sport e l’industria

La società è leader nel settore sportivo con la produzione di canne da pesca e alberi da windsurf in fibra di carbonio, realizzati con tecnologie esclusive, studiate per ottenere le migliori performance. Numerosi sono stati i premi vinti in competizioni sportive di livello internazionale grazie all’utilizzo proprio di questi tubi e alle loro straordinarie caratteristiche. Per la nautica Reglass progetta e costruisce accessori specifici.

Dalla fibra di carbonio alla realizzazione di canne da pesca ad alte prestazioni

 

Nella produzione industriale eccelle con la realizzazione di rulli in fibra di carbonio per l’industria della stampa, del converting e del packaging. Di rilievo le sue soluzioni in carbonio per la produzione ed il converting della carta tissue, il converting del tessuto non tessuto e la lavorazione del film plastico. I rulli Reglass si basano su tubi in composito di carbonio altamente performanti, realizzati mediante tecnologia Sheet wrapping. Per dimensioni e caratteristiche tecniche, rispondono alla necessità delle aziende di realizzare impianti diversificati e competitivi.

Rulli in fibra di carbonio di diverse dimensioni

 

Automotive e aerospazio

Numerose le produzioni in altri settori realizzate su progetto e in partnership con aziende di rilevo internazionale. Ad esempio: Lamborghini per l’automotive, e Thales Alenia per il settore aerospaziale.

Reglass aderisce al cluster emiliano romagnolo IR4I, Innovation & research for industry che oggi conta 27 aziende ed è nato con l’obiettivo di portare nel mondo aeronautico e aerospaziale le esperienze legate alla motor valley. Le aziende del cluster sono specializzate in diversi settori: motorsport, F1, motoristica automotive, ma anche packaging e meccanica avanzata e promuovono la ricerca e lo sviluppo del settore aerospaziale aeronautico. Reglass utilizza laboratori specifici e realizza parti di satellite e antenne in fibra di carbonio. Tra gli incarichi di maggior importanza, la sua partecipazione alla missione ESA per l’esplorazione delle Lune di Giove. In materiale composito di fibra di carbonio, diversi componenti, realizzati dall’azienda, dell’antenna satellitare progettata da Thales Alenia Space Italia – joint venture ThalesLeonardo – nell’ambito del programma spaziale, JUpiter ICy moons Explorer (JUICE). Il lancio della missione è previsto nel 2023. Obiettivo: l’esplorazione delle tre lune ghiacciate di Giove: Ganimede, Europa e Callisto.

Satellite per la missione JUpiter ICy moons Explorer (JUICE)

 

Reglass e la sismica

In seguito al terremoto del 2012 in Emilia Romagna, che ha causato gravi danni alle attività produttive con ricadute pesanti sull’economia del territorio e dell’intera nazione, l’azienda ha progettato e sviluppato in collaborazione con l’Università di Bologna, Sismocell, un sistema antisismico in acciaio e fibra di carbonio che realizza collegamenti dissipativi non rigidi, trave-pilastro; trave-elementi di copertura per la messa in sicurezza dei capannoni prefabbricati. È l’esordio dell’azienda nel settore edilizio.

Celle cilindriche in acciaio e fibra di carbonio che compongono il sistema Sismocell

 

Ricerca e sviluppo Reglass

Circa l’8% del fatturato di produzione viene reinvestito in ricerca e sviluppo che si svolge in laboratori aziendali dedicati, in collaborazione con Università e centri di ricerca. L’azienda ha sviluppato, molti materiali compositi con diversi tipi di fibre e resine e svolge una continua attività di studio per migliorare qualità, funzioni e range di applicazioni con l’utilizzo di nanomateriali, nanocoatings, rivestimenti ceramici e metallici, nuovi tipi di fibre, giunzioni metallo-composito e molte altre innovazioni.

Sezione al microscopio della fibra di carbonio

 

Nel complesso delle sue produzioni e invenzioni, la società ha depositato 22 brevetti ed è compresa nell’elenco dei laboratori di ricerca certificati dal Miur (Ministero dell’Università e della Ricerca Italiano).

 

Settori applicativi

  1. Attrezzature sportive: alberi da windsurf di alta gamma, canne da pesca high end.
  2. Tubi e rulli industriali: per le industrie della stampa, del packaging, della carta e del tissue.
  3. Alberi di trasmissione: per automotive, torri di raffreddamento e macchinari.
  4. Componenti strutturali: per strutture civili ed industriali.
  5. Parti ed accessori: per nautica da competizione ed auto supersportive.
  6. Parti ed accessori: per aeronautica ed aerospazio, componenti di satelliti.
  7. Dispositivi antisismici: per il settore edilizio e progettazioni ad hoc

 


Leggi anche

Il software Industry 4.0 è una soluzione di ottimizzazione, basata su AI e Industrial Internet of Things (IIoT), che automatizza e semplifica il tracciamento, la gestione e la pianificazione delle materie prime. Permette di massimizzare l’utilizzo del materiale fino al 3%, con una conseguente e significativa diminuzione degli sprechi e dei ritardi di produzione….

Leggi tutto…

Meccanismi innovativi per azionare e posizionare i pannelli solari, un adattatore universale in materiali compositi e il miglioramento dell’elettronica di rete centrale sono le novità che caratterizzano i razzi delle tre missioni Artemis: il rivoluzionario programma della NASA, che, dopo cinquant’anni, segna il ritorno dell’uomo sulla Luna. …

Leggi tutto…

Dettagli concettuali, come l’incorporazione di materiali compositi; un design biomimetico e un focus sulla sicurezza caratterizzano il nuovo concept dell’abitacolo a cinque posti del veicolo elettrico a decollo e atterraggio verticale (eVTOL) di Supernal. Il team di ingegneri e progettisti ha utilizzato l’approccio riduttivo dell’industria automobilistica per creare una cabina leggera, in fibra di carbonio sagomata. …

Leggi tutto…

Un recente progetto ha visto la realizzazione e l’approvazione di una sovrapposizione del pannello strumenti in un elicottero Airbus H125. L’intero procedimento doveva far sì che l’abitacolo venisse modernizzato, come richiesto dal cliente, ma senza dover aspettare i tempi e sostenere i costi necessari per rifare completamente il pannello….

Leggi tutto…

Il progetto, finanziato da un contratto Australian Government Defence Innovation Hub, ha visto la progettazione di una ruota in fibra di carbonio con una capacità di carico di 9.000 kg e un peso del 35% inferiore rispetto a quelle attualmente utilizzate sul velivolo. La ruota concettuale garantisce, inoltre, una maggiore durata e rappresenta un punto di partenza per altre applicazioni aerospaziali e militari con sollevamento verticale….

Leggi tutto…