Il primo satellite italiano in 3D


È firmata dal Gruppo modenese Crp la tecnologia del primo satellite stampato interamente in 3D, che è una “matrioska” di micro-satelliti già lanciata in orbita da stazione spaziale: si chiama “TuPod” ed è stato lanciato direttamente dagli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (Iss). Il satellite “TuPod” è stato realizzato in 3D printing dalla controllata statunitense del Gruppo Crp di Modena, utilizzando tecnologia italiana, e i materiali compositi ad alta prestazione per la fabbricazione additiva Windform sono stati creati e sviluppati dalla modenese Crp Technology, l’azienda del Gruppo Crp dei fratelli Franco e Livia Cevolini, specializzata in 3D printing e fabbricazione additiva con i materiali Windform.
«Il “TuPod” – ha spiegato Chantal Cappelletti, responsabile del satellite – è un satellite-lanciatore che abbiamo disegnato per mettere in orbita dei particolari piccoli satelliti a forma di lattina e per realizzarlo abbiamo usato delle speciali stampanti 3D. Il “TuPod” è sia un lanciatore, aveva infatti al suo interno due micro satelliti, sia un satellite autonomo».
Realizzato dal gruppo GAUSS (Gruppo di Astrodinamica per l’Uso di Sistemi Spaziali), il “TuPod” era stato portato a bordo della Iss a dicembre insieme ai materiali trasportati da una navetta cargo giapponese. Il “satellite matrioska” è stato lanciato direttamente dalla stazione spaziale, usando un braccio robotico, con una nuova tipologia di lancio.
I due micro satelliti che sono a bordo del “TuPod” sono stati realizzati l’uno da ragazzi tra i 9 e i 16 anni di una scuola brasiliana per lo studio della ionosfera terrestre e l’altro da un’azienda americana interessata a testare un nuovo sistema di comunicazioni spaziali low-cost.
«Il settore di questi mini satelliti – dice Chantal Cappelletti – è in rapida crescita. Nonostante i costi molto bassi, non si tratta di giocattoli ma satelliti dalle grandi potenzialità».
Realizzare e lanciare costellazioni di mini satelliti, più piccoli di una scatola di scarpe, è possibile con poche migliaia di euro: «Possono permetterselo anche piccole aziende – ha concluso – ad esempio per il monitoraggio ambientale, o scuole per scopi didattici, e portare in orbita strumenti molto sofisticati, non solo fotocamere o sensori, presto anche dispositivi radar».

Fonte: Gazzetta di Modena
http://gazzettadimodena.gelocal.it/modena/cronaca/2017/01/19/news/il-primo-satellite-italiano-in-3d-e-firmato-dal-gruppo-modenese-crp-1.14738862


Leggi anche

Il Lightweight Technologies Forum che si terrà durante il COMPOSITES EUROPE (Stoccarda, 10-12 Settembre) sarà l’occasione per presentare uno studio sullo stato attuale e sulle nuove frontiere del mercato aerospaziale, per capirne le necessità ed esaminare le possibili tecnologie e materiali da impiegare in questo settore….

Leggi tutto…

Airbus Defence and Space ha completato la prima parte della struttura interna del satellite dell’ESA JUICE, costruita in fibra di carbonio. Il satellite sarà lanciato nel 2022 ed esplorerà le lune ghiacciate di Giove, Europa, Callisto e Ganimede….

Leggi tutto…

La riduzione del peso e dei costi nei processi di produzione e monitoraggio dello stato di salute della carlinga dei velivoli sono la chiave per fornire competitività all’industria aeronautica regionale in Europa. Clean Sky’s Composite Fuselage project, progetto inserito nella Regional Aircraft Innovative Aircraft Demonstrator Platform (IADP), punta a spingere avanti le frontiere dell’aviazione europea, sviluppando due dimostratori a grandezza naturale con materiali compositi innovativi, economici e leggeri, tecniche di fabbricazione e processi di assemblaggio avanzati, monitoraggi strutturali….

Leggi tutto…

I vantaggi dei materiali compositi rinforzati in tessuto con struttura tridimensionale sono molteplici. Rispetto ai tessuti a struttura bidimensionale o ad altri materiali da costruzione tradizionale, come l’acciaio e l’alluminio, sono più leggeri, riducono il rischio di delaminazione, e quindi la perdita delle proprietà meccaniche, sono meno soggetti a rotture e diminuiscono i costi e i tempi di produzione….

Leggi tutto…

Composite Cluster Singapore (CSS) ha annunciato che sta lavorando con Eviation Aircraft of Israel, azienda israeliana che si occupa di aviazione elettrica, allo sviluppo di “Alice”, un velivolo totalmente elettrico costruito per il 95% con materiali compositi, controllato da un sistema fly-by-wire e azionato da tre eliche, alle estremità alari e sulla fusoliera posteriore. CSS si sta occupando della progettazione delle ali per il velivolo presentato al 53° Salon International de l’aéronautique et de l’espace tenutosi a Le Bourget, in Francia, dal 17 al 23 giugno….

Leggi tutto…