Inaugurato il nuovo Lightweight Manufacturing Centre in Scozia

Lightweight Manufacturing Centre: diretto dall’Università di Strathclyde punta a rendere la Scozia leader nell’innovazione tecnologica

Il Lightweight Manufacturing Centre (LMC) è stato ufficialmente inaugurato dal Primo ministro scozzese Nicola Sturgeon. Il centro costato 8.9 milioni di sterline rappresenta il primo passo per la creazione del National Manufacturing Institute Scotland, progetto per il quale il governo scozzese ha stanziato 65 milioni con l’obiettivo di fare della Scozia un Paese leader nell’industria ad alto contenuto tecnologico.

Il centro è diretto dall’Università di Strathclyde ed è temporaneamente ospitato nell’impianto della Doosan Babcock a Renfrew. Lo scopo primario del Lightweight Manufacturing Centre è quello di sviluppare materiali sempre più efficienti e leggeri da applicare nei settori industriali a maggior contenuto tecnologico, come l’automotive e il settore aerospaziale. Ma LMC potrà contribuire allo sviluppo anche delle altre imprese per rinnovare i processi di produzione e i materiali ordinari con una nuova generazione di soluzioni innovative per affrontare le sfide dell’ingegneria del futuro.

La dichiarazione del Primo ministro: un centro da cui trarrà beneficio l’economia di tutto il Paese

Durante la cerimonia di inaugurazione, il Primo ministro ha dichiarato: «La nostra ambizione è di fondare in Scozia una lunga storia di innovazione ed essere riconosciuti come moderni inventori e produttori, invece di essere semplici consumatori di beni. È essenziale che di fronte al rapido avanzare della tecnologia, la nostra economia resti al passo. Il centro di livello mondiale ci aiuterà a perseguire questo obiettivo, in quanto primo passo per la realizzazione del nuovo National Manufacturing Institute Scotland. Le imprese di tutta la Scozia trarranno beneficio dalle attrezzature all’avanguardia sviluppate dai ricercatori del centro e dalle opportunità di collaborazione, ricerca e sviluppo. Le opportunità che deriveranno dalla produzione di materiali leggeri aiuteranno ad aumentare la loro competitività».

Il centro lavorerà a stretto contatto con l’industria

«La tecnologia dei materiali leggeri ha grandi potenzialità applicative in svariati settori, dalla produzione dei velivoli e veicoli leggeri al settore dell’efficientamento energetico, dal miglioramento delle tecnologie per le energie rinnovabili fino allo sviluppo di una nuova generazione di materiali per il settore sanitario», ha commentato il Professor Jim McDonald, Rettore dell’Università di Strathclyde. Il nuovo centro fornisce le tecniche e gli strumenti necessari per posizionare l’industria scozzese all’avanguardia nella produzione dei materiali leggeri, aiutando compagnie di tutte le dimensioni a competere a livello mondiale. L’inaugurazione odierna costituisce una pietra miliare nel percorso di innovazione della Scozia: ci aspettiamo di lavorare fianco a fianco con le imprese di tutto il Paese».

Uno strumento per garantire competitività alle imprese scozzesi

«Il processo produttivo sta sperimentando avanzamenti rapidi determinati dalle tecnologie digitali, dall’automazione e dalle opportunità del mercato globale che stanno trasformando il modo di progettare, realizzare e vendere prodotti e servizi», ha spiegato David Smith, della Scottish Enterprise, l’ente sponsorizzato dal governo scozzese per lo sviluppo economico, l’impresa, l’innovazione e gli investimenti nelle imprese. Per rimanere competitivi, è sempre più importante per gli industriali scozzesi scegliere la via dell’innovazione e adottare tecnologie e processi produttivi all’avanguardia. Questo è esattamente l’ambito in cui può essere di supporto il Lightweight Manufacturing Centre, soprattutto per le industri più piccole che vogliono accedere con facilità a competenze e servizi innovativi nel settore dei materiali leggeri per far crescere il loro mercato».


Leggi anche

Il Fraunhofer Institute alla guida di un nuovo progetto incentrato sull’efficienza dei sensori a fibre ottiche nel monitoraggio del processo di infusione sottovuoto durante la produzione di grandi componenti in composito…

Leggi tutto…

L’A330-800 ha ricevuto la certificazione congiunta dall’Agenzia europea per la sicurezza aerea (EASA) e dalla Federal Aviation Administration (FAA). I test di volo di certificazione dell’aeromobile sono stati eseguiti con successo dall’aeromobile MSN1888, che ha completato il programma in 370 ore di test di volo e 132 voli dal suo primo volo nel novembre 2018…

Leggi tutto…

L’inaugurazione di una linea di produzione lunga 18 m rappresenta una pietra miliare dello Wing Project. A partire dal 2017, questa collaborazione guidata da IRT Jules Verne in collaborazione con Airbus, Fives Machining e Loiretech mira a valutare la capacità delle tecnologie tessili di soddisfare i tassi di produzione di 5-6 volte superiori per l’industria aeronautica per pezzi su larga scala e geometria complessa…

Leggi tutto…

Durante il suo volo inaugurale, l’aereo morphing sviluppato da Leo Baumann ha dimostrato le sue capacità di volo. Il velivolo è stato prodotto con materiali compositi stampati in 3D in collaborazione con il CMASLab presso il Dipartimento di ingegneria meccanica e di processo dell’ETH e i laboratori Spin-off 9T dell’ETH…

Leggi tutto…

Translating the needs and desires of customers in projects and products with the highest profile has been the drive of FKgroup since the start of its operations in 1961. The company, based in Dalmine (Bergamo, Italy) has become internationally known for the analysis, planning and automation for the cutting of fashion, home textile, automotive and composites fabrics, among others….

Leggi tutto…