Inaugurato il nuovo Lightweight Manufacturing Centre in Scozia

Lightweight Manufacturing Centre: diretto dall’Università di Strathclyde punta a rendere la Scozia leader nell’innovazione tecnologica

Il Lightweight Manufacturing Centre (LMC) è stato ufficialmente inaugurato dal Primo ministro scozzese Nicola Sturgeon. Il centro costato 8.9 milioni di sterline rappresenta il primo passo per la creazione del National Manufacturing Institute Scotland, progetto per il quale il governo scozzese ha stanziato 65 milioni con l’obiettivo di fare della Scozia un Paese leader nell’industria ad alto contenuto tecnologico.

Il centro è diretto dall’Università di Strathclyde ed è temporaneamente ospitato nell’impianto della Doosan Babcock a Renfrew. Lo scopo primario del Lightweight Manufacturing Centre è quello di sviluppare materiali sempre più efficienti e leggeri da applicare nei settori industriali a maggior contenuto tecnologico, come l’automotive e il settore aerospaziale. Ma LMC potrà contribuire allo sviluppo anche delle altre imprese per rinnovare i processi di produzione e i materiali ordinari con una nuova generazione di soluzioni innovative per affrontare le sfide dell’ingegneria del futuro.

La dichiarazione del Primo ministro: un centro da cui trarrà beneficio l’economia di tutto il Paese

Durante la cerimonia di inaugurazione, il Primo ministro ha dichiarato: «La nostra ambizione è di fondare in Scozia una lunga storia di innovazione ed essere riconosciuti come moderni inventori e produttori, invece di essere semplici consumatori di beni. È essenziale che di fronte al rapido avanzare della tecnologia, la nostra economia resti al passo. Il centro di livello mondiale ci aiuterà a perseguire questo obiettivo, in quanto primo passo per la realizzazione del nuovo National Manufacturing Institute Scotland. Le imprese di tutta la Scozia trarranno beneficio dalle attrezzature all’avanguardia sviluppate dai ricercatori del centro e dalle opportunità di collaborazione, ricerca e sviluppo. Le opportunità che deriveranno dalla produzione di materiali leggeri aiuteranno ad aumentare la loro competitività».

Il centro lavorerà a stretto contatto con l’industria

«La tecnologia dei materiali leggeri ha grandi potenzialità applicative in svariati settori, dalla produzione dei velivoli e veicoli leggeri al settore dell’efficientamento energetico, dal miglioramento delle tecnologie per le energie rinnovabili fino allo sviluppo di una nuova generazione di materiali per il settore sanitario», ha commentato il Professor Jim McDonald, Rettore dell’Università di Strathclyde. Il nuovo centro fornisce le tecniche e gli strumenti necessari per posizionare l’industria scozzese all’avanguardia nella produzione dei materiali leggeri, aiutando compagnie di tutte le dimensioni a competere a livello mondiale. L’inaugurazione odierna costituisce una pietra miliare nel percorso di innovazione della Scozia: ci aspettiamo di lavorare fianco a fianco con le imprese di tutto il Paese».

Uno strumento per garantire competitività alle imprese scozzesi

«Il processo produttivo sta sperimentando avanzamenti rapidi determinati dalle tecnologie digitali, dall’automazione e dalle opportunità del mercato globale che stanno trasformando il modo di progettare, realizzare e vendere prodotti e servizi», ha spiegato David Smith, della Scottish Enterprise, l’ente sponsorizzato dal governo scozzese per lo sviluppo economico, l’impresa, l’innovazione e gli investimenti nelle imprese. Per rimanere competitivi, è sempre più importante per gli industriali scozzesi scegliere la via dell’innovazione e adottare tecnologie e processi produttivi all’avanguardia. Questo è esattamente l’ambito in cui può essere di supporto il Lightweight Manufacturing Centre, soprattutto per le industri più piccole che vogliono accedere con facilità a competenze e servizi innovativi nel settore dei materiali leggeri per far crescere il loro mercato».


Leggi anche

L’alluminio è uno dei materiali più promettenti per le applicazioni nel settore automobilistico e aerea. L’università russa National University of Science and Technology “MISIS” ha trovato un modo semplice ed efficace per rafforzare i materiali compositi a base di alluminio. …

Leggi tutto…

Stratolunch è l’aeroplano più grande del mondo realizzato con materiali compositi: sei motori e centodiciassette metri di ala. È stato pensato per il lancio di razzi e satelliti nello spazio a un costo più economico….

Leggi tutto…

Il salone JEC WORLD 2019 si è concluso dopo tre intense giornate all’insegna dell’innovazione, del networking e della condivisione delle conoscenze. 1.300 espositori, 43.000 visitatori professionisti da 112 paesi partecipanti e 27 padiglioni nazionali: sono questi i numeri, come riportati dal meeting delle associazioni europee e globali di settore, di JEC World, il luogo in cui il mondo dei materiali compositi si incontra riunendo i protagonisti del settore e i loro rappresentanti. …

Leggi tutto…

Il mercato del composito, prima esclusivo del racing e delle supercar, è sempre più orientato alla definizione di strutture leggere che permettano minori consumi e miglior efficienza su veicoli di uso comune. Abbiamo intervistato Francesco Varrasi, CEO di Mind Composites, azienda Italiana attiva dal 2006 specializzata nell’industrializzazione di componenti in materiale composito….

Leggi tutto…

Un team di ricercatori coordinati dall’Università della California di Los Angeles (UCLA) ha sviluppato un nuovo materiale ultra leggero e isolante, costituito per più del 99% di aria. Grazie alla sua capacità di resistere alle temperature estreme dello spazio, lo speciale e rivoluzionario Aerogel sarà perfetto per fare da scudo alle navicelle spaziali che nei prossimi anni andranno alla scoperta del cosmo. …

Leggi tutto…