La campagna ‘Material Change’ valorizza il ruolo dei compositi per un futuro a impatto zero

Il National Composites Centre (NCC) è uno dei numerosi partner coinvolti nella campagna dell’Institute of Materials, Minerals and Mining (IOM3), che comprende diverse pubblicazioni di esperti del settore e storie di organizzazioni che stanno promuovendo l’innovazione attraverso la ricerca, le nuove tecnologie, il riciclaggio e il riutilizzo.

 

Lo studio al servizio della produzione

Kevin Mee, Head of Chief Engineering presso il National Composites Centre, ha sottolineato come i materiali compositi siano una tecnologia fondamentale nella transizione verso le emissioni zero.

“L’attività dell’NCC sui compositi ad alte prestazioni – afferma Mee – potrà diventare un volano per creare nuovi posti di lavoro e competenze, grazie anche allo sviluppo di materiali sostenibili e bio-derivati, attraverso tecnologie digitali e ad idrogeno“.

L’NCC fa parte della High Value Manufacturing Catapult del Regno Unito e, ogni anno, supporta più di 200 PMI nell’innovare i propri prodotti, dando loro accesso a tecnologie di livello mondiale e a consulenze di ingegneri esperti in scienze dei materiali.

 

ARC Marine, una case history di successo

Quest’anno il National Composites Centre ha collaborato con una piccola impresa con sede a Torquay, che sviluppa soluzioni basate sulla natura per l’ambiente marino. Avevano bisogno di un’alternativa sostenibile alle corde di plastica che si usano per fissare i tubi e cavi sul fondo del mare.

Il team di ingegneri di NCC ha creato una corda composita interamente in basso-minerali e fibre di carbonio che determina una riduzione di emissioni di CO2 dell’88% rispetto a una corda standard in polipropilene. Questo progetto figura anche nella campagna Material Change.

 

Tom Birbeck, co-fondatore e CEO di ARC Marine, afferma:

Con ogni materasso tradizionale, c’è una media di 140 metri di corda di plastica che entra nell’oceano. La nostra innovativa corda plastic-free cambierà indubbiamente il volto dell’industria migliorando gli ecosistemi marini. Siamo incredibilmente soddisfatti di aver lavorato con gli esperti di NCC, che sono stati fondamentali nello sviluppo e nel perfezionamento del design.”

 


Leggi anche

Creare una nuova classe di oligomeri fosforo/imidazolo per resine epossidiche monocomponenti, che possano risolvere il problema dell’infiammabilità e della scarsa durata di conservazione delle resine stesse è l’obiettivo di uno studio dell’Università del Queensland meridionale (Australia). Il team di ricercatori, guidato dal dott. Siqi Huo, ha ricevuto un finanziamento di 421.000 dollari attraverso il programma ARC Discovery Early Career Researcher Award (DECRA). …

Leggi tutto…