La Ducati 1299 è Superleggera


Ecco che finalmente il “Progetto 1408” di Ducati diventa realtà: la Casa di Borgo Panigale ha presentato al pubblico la nuova 1299 Superleggera, una moto che alza l’asticella delle supersportive stradali ad un livello mai raggiunto prima. La 1299 Superleggera è infatti la moto stradale di serie con telaio, forcellone, telaietto e ruote realizzati in fibra di carbonio e la moto equipaggiata con il bicilindrico di serie più potente mai prodotto dalla Casa di Borgo Panigale: un Superquadro da 215 CV! Il tutto è vestito da un’affilata carenatura in carbonio e assistito da un’elettronica paragonabile a quella che attualmente si trova sulle MotoGP. Prestazioni al top dunque, considerando anche il fatto che, grazie alle numerose migliorie ricevute dal propulsore, e a tutto quel carbonio, la 1299 Superleggera ferma la lancetta della bilancia a soli 156 kg!
L’esclusiva 1299 Superleggera verrà prodotta in sole 500 unità ma è necessario fare in fretta. Ducati ha dichiarato infatti che rimangono solo pochi esemplari disponibili (il prezzo non è stato reso noto). Assieme alla moto, i clienti riceveranno il kit pista che comprende lo scarico completo racing Akrapovič in titanio (simile a quello delle SBK ufficiali), il plexiglass Racing, il kit rimozione portatarga, il kit rimozione cavalletto laterale, i tappi sostitutivi degli specchi lavorati dal pieno, i cavalletti e il telo coprimoto.

La progettazione di telaio e forcellone è stata eseguita sfruttando l’esperienza di Ducati Corse e nella fase di sviluppo i componenti sono stati sottoposti a severi test, simili a quelli effettuati per i componenti destinati alla MotoGP. La qualità dei componenti in fibra di carbonio è garantita da tre differenti metodi di controllo non distruttivo (NDI – Non Destructive Inspection) utilizzati in campo aerospaziale:
• Active Transient Thermography: permette di ispezionare il componente negli strati superficiali ed è indispensabile per un’accurata analisi di superfici complesse e zone di bordo.
• Ultrasonic Phased Array: basata sulla tecnica Pulse Echo, permette una visualizzazione bidimensionale. È più dettagliata rispetto alle procedure di test ad ultrasuoni convenzionali, grazie ad una superiore copertura e una maggiore sensibilità.
• Computed Axial Tomography: consiste in un’ispezione tridimensionale a raggi X che assicura la copertura del 100% del volume del componente controllato.
Il telaio monoscocca è in fibra di carbonio ad alta resistenza e utilizza un sistema di resina resistente alle alte temperature, con inserti realizzati in lega di alluminio 7075 e co-laminati nella struttura in composito; il suo peso è inferiore del 40% (-1,7 kg) rispetto al telaio monoscocca in alluminio della 1299 Panigale. Il forcellone monobraccio, realizzato nello stesso materiale, garantisce invece un risparmio di peso pari al 18 % (- 0,9 kg).

La 1299 Superleggera è equipaggiata inoltre col telaietto posteriore in fibra di carbonio, simile a quello utilizzato sulla 1199 Superleggera. In carbonio anche la carenatura, i parafanghi e i paracalore dello scarico.
Le ruote sono realizzate con fibra di carbonio ad alta resistenza e hanno mozzi in alluminio avvitati; entrambi permettono un risparmio di peso pari a – 1,4 kg rispetto alle ruote forgiate in alluminio, con una riduzione di inerzia di rotolamento del 26 % all’anteriore e al 44 % al posteriore. Le ruote della 1299 Superleggera calzano pneumatici Pirelli Diablo Supercorsa SP.


Leggi anche

Koenigsegg ha prodotto la prima auto al mondo in puro carbonio, non trattato. Quello che il costruttore chiama Koenigsegg Carbon Naked (KCN). Ad indossarlo è una Regera, la cui carrozzeria in fibra di carbonio non è stata trattata con nessun altro elemento. Nessuno smalto, nessuna vernice o rivestimento lasciando scoperta la superficie di carbonio grezzo…

Leggi tutto…

Williams Advanced Engineering (WAE) e il suo Team, a stagione conclusa, impiegano le proprie competenze per sviluppare nuove tecnologie sfruttando l’esperienza consolidata nella lavorazione dei materiali compositi. In particolare, WAE ha progettato e realizzato “Bodypod”, una struttura in fibra di carbonio adatta per i trasporti d’emergenza infantile…

Leggi tutto…

Stampato a pezzi, viene poi finito e assemblato a mano: questa tecnologia permette di realizzare forme impensabili prima d’ora. I processi di stampa in 3d garantiscono, alla ruota, principale componente della mobilità, inedite possibilità di sviluppo per gli anni a venire. Ne è un esempio il futuristico cerchio messo a punto da HRE, specialista californiano del settore…

Leggi tutto…

La Carbon Series è la Ford con più carbonio a vista mai prodotta: la trama del materiale composito è visibile in diverse parti dell’auto, comprese le nuove strisce che attraversano la parte superiore della carrozzeria per tutta la sua lunghezza. Il nuovo allestimento combina materiali ultraleggeri con nuove componenti per ridurre il peso della vettura di 18 kg….

Leggi tutto…

Riduce da ore a minuti i tempi di preparazione degli attrezzi nello stampaggio di materiali compositi nell’industria aerospaziale e risulta particolarmente efficace per componenti in prepreg epossidico di fibra di carbonio realizzati sottovuoto e con stampaggio in autoclave….

Leggi tutto…