La fibra di carbonio può immagazzinare energia nel telaio di un veicolo

I ricercatori dell’ateneo svedese hanno studiato le molteplici tipologie di fibre di carbonio presenti in commercio e selezionato quelle che hanno delle microstrutture di cristalli dalle buone proprietà elettrochimiche, capaci di funzionare come elettrodi in batterie agli ioni di litio. In particolare, si sono accorti che le fibre composte da cristalli più piccoli e poco orientati, nonostante siano meno rigidi, permettono una buona conduzione dell’energia elettrica. Al contrario, le microstrutture con cristalli più grandi e fortemente orientati hanno sì grandi livelli di rigidità, ma sono al contempo poco adatti al passaggio della corrente elettrica.
La sfida, dunque, è di trovare il giusto compromesso fra rigidità e capacità di conduzione. Grazie a questo studio si potrebbero aprire scenari interessanti per il mondo dell’automobilismo elettrico e anche per quello dell’aviazione a zero emissioni. In un prossimo futuro si potrebbero avere aerei o automobili elettrici alimentati dal loro stesso telaio in fibra di carbonio. Il che significa un notevole risparmio di peso e, quindi, una maggiore autonomia energetica.
Il veicolo, dotato di un telaio in fibra di carbonio, non sarebbe quindi semplicemente un elemento portante, ma fungerà anche da batteria. Sarà anche possibile utilizzare la fibra di carbonio per altri scopi, come la raccolta di energia cinetica, la realizzazione di sensori e conduttori di energia e dati: se tutte queste funzioni fossero parte di un’auto o di un velivolo, potrebbero contribuire a una riduzione del peso del 50%.

Per maggiori approfondimenti visita il sito:
https://www.chalmers.se/en/departments/ims/news/Pages/carbon-fibre-can-store-energy.aspx


Leggi anche

Così come altre maggiori industrie globali, i sistemi di trasporto di massa “lottano” per migliorare l’efficienza e ridurre i costi di gestione. Per i progettisti di carrozze ferroviarie merci e passeggeri questo ha significato approcciare nuovi materiali e tecniche di produzione. Ne è un esempio l’uso massiccio di materiali FRP per produrre strutture di basso peso e alta resistenza. bigHead con la sua vasta esperienza nei fissaggi lavora a fianco dei progettisti dei clienti per trovare soluzioni ad hoc….

Leggi tutto…

Ford Motor Company, in collaborazione con WMG, the University of Warwick ha sviluppato uno snodo posteriore in materiale composito ottenendo una riduzione del peso potenziale del 50% rispetto all’attuale componente in acciaio. Le prove di fabbricazione della versione in fibra di carbonio sono attualmente in corso per sviluppare il processo di produzione di massa su larga scala

Leggi tutto…

L’innovativa tecnica “Low Cure Clear Coats” permette di essiccare la vernice già a 100° in un unico passaggio fra corpo vettura e parti in carbonio e materiali compositi. A rendere uniche le vetture del Cavallino Rampante non sono solamente il marchio, il design e le prestazioni, ma anche le tinte della carrozzeria, che si servono di una tecnica di verniciatura inedita nel panorama automobilistico

Leggi tutto…

La coupé BMW M2 M Performance Parts Concept trasmette sportività da ogni angolazione, grazie ad un attento utilizzo dei materiali compositi. Stile atletico, cattiveria innata e una netta cura dimagrante (oltre 60 kg), questo il risultato di un’autovettura dove la fibra di carbonio è protagonista

Leggi tutto…

Alpine A110, la più iconica delle vetture prodotte da Renault, torna in vita in quella che può essere considerata qualcosa che va oltre la classica operazione nostalgia. Se siete possessori di una Smart Roadster potete oggi convertirla in una copia piuttosto fedele della “berlinette bleue” grazie ai materiali compositi che per le loro peculiarità possono essere lavorati e plasmati per creare una perfetta replica della coupé Smarlinette!

Leggi tutto…