La nanostruttura rafforza, sbrina e controlla le parti in compositi

I materiali compositi polimerici rinforzati in fibra di vetro sono prodotti unendo più strati di fibra impregnati di resina epossidica. Per realizzare un materiale di alta qualità, l’intera parte composita – che potrebbe essere enorme – viene polimerizzata in autoclave.

 
Un problema di costi e di inquinamento

Solo le grandi aziende possono permettersi un’autoclave abbastanza grande da produrre pezzi di dimensioni importanti con questa tecnologia. Inoltre, riscaldare ogni volta l’intero volume della camera, indipendentemente dalla dimensione della parte da indurire, comporta consumi energetici elevati e conseguenti costi economici ed ambientali.

Uno studio dei ricercatori di Skoltech, tuttavia, ha dimostrato che, se si incorporano nanotubi di carbonio tra gli strati adiacenti del composito, è possibile applicare una corrente elettrica e immettere calore nel materiale senza sprecare energia per riscaldare l’intero volume dell’autoclave, con un risparmio del 99% della potenza necessaria per l’intero processo.

 

Una soluzione versatile

Realizzato in nanotubi di carbonio, il nuovo sensore è in grado di generare calore sottocorrente elettrica e, una volta incorporato, lascia inalterato lo spessore del composito e non crea pori indesiderati. Può essere utilizzato per il monitoraggio della salute strutturale delle parti oppure come sbrinatore. Quest’ultima funzione è particolarmente preziosa per i settori della cantieristica navale e della piccola aviazione, nei quali le grandi strutture in vetroresina sono molto utilizzate. In altre parole, la nanostruttura migliora le proprietà del materiale e lo dota di molteplici funzionalità, oltre a svolgere un ruolo attivo in varie fasi del ciclo di vita del prodotto.

 

Nuove frontiere della ricerca

Per confrontare le caratteristiche dei materiali, il team ha prodotto il composito polimerico sia senza la struttura di nanotubi di carbonio incorporata che con essa. Le misurazioni non hanno rivelato né aumento di spessore, né formazione di pori, né disallineamento delle fibre. I ricercatori hanno spiegato questo in termini di nano-capillarità estremamente elevata dei nanotubi, una proprietà che permette di generare una pressione che fa aderire gli strati di fibra di vetro saldamente insieme, “risucchiando” eventuali pori, che altererebbero le caratteristiche del composito. La ricerca svolta rientra nell’ambito della “fusione multifunzionale per il miglioramento del ciclo di vita dei materiali attraverso la nano-ingegneria di strutture composite avanzate“.

 


Leggi anche

L’Agenzia spaziale europea ha dato l’ok a Phoebus, un progetto volto a dimostrare che le fibre di carbonio possono essere utilizzate al posto delle parti metalliche nei serbatoi criogenici ad uso aerospaziale. Questa innovazione garantirà un risparmio di peso, una maggiore competitività, un aumento della capacità del carico utile e un uso più sostenibile delle risorse….

Leggi tutto…

Utilizzare nuovi metodi di stampa 3D per fabbricare, a costi contenuti, prodotti in materiali compositi ed ibridi da utilizzare nei settori farmaceutico, aeronautico e automobilistico. È questo l’obiettivo del progetto AMICO che nasce dalla collaborazione tra IMAST (Distretto tecnologico italiano per l’ingegneria dei materiali compositi), che ha fatto da capofila, ENEA, Leonardo, FCA Italy, MBDA, Dompé Farmaceutici, Cnr, CRF, CIRA, Politecnico di Torino, Università di Napoli Federico II, Università di Roma “La Sapienza”, Università di Trento e Aerosoft Spa…

Leggi tutto…

La corsa verso gli obiettivi europei di neutralità climatica e la scelta di una strategia inclusiva in materia di transizione ecologica e digitale, sono stati gli argomenti al centro dell’European SDG Summit, che si è svolto online, dal 10 al 12 ottobre scorsi, e ha visto la partecipazione di oltre cento relatori, in rappresentanza delle istituzioni europee, delle realtà industriali e della società civile. …

Leggi tutto…

Obiettivo del progetto, che unisce ricerca e industria, è quello di definire un nuovo standard di accessibilità per la produzione di parti composite strutturali stampate in 3D. Queste potranno quindi essere realizzate con la stessa facilità delle alternative metalliche, grazie agli innovativi strumenti di workflow Additive Fusion Technology. …

Leggi tutto…

È stato recentemente progettato e approvato un armadio di stoccaggio medico che verrà utilizzato da un operatore di soccorso aereo. Piloti e paramedici ritengono che il Medical Storage Cabinet sia molto utile per conservare in sicurezza l’attrezzatura nella cabina passeggeri….

Leggi tutto…