La prima barca a vela stampata in 3D sarà in termoplastici rinforzati con carbonio

La tecnologia di stampa 3D è alla base del progetto nato dall’ambizione di due imprenditori italiani. In particolare, è stata adottata la tecnologia di stampa 3D dedicata all’estrusione diretta con la loro azienda Ocore che oltre a migliorare l’hardware di stampa – robot, estrusore e ugello – ha brevettato una nuova strategia di deposizione del materiale utilizzando un algoritmo ispirato ai frattali.

Il progetto è stato supportato da Lehvoss Group – con la sua casa madre Lehmann & Voss & Co. ad Amburgo, in Germania – che ha formulato e consegnato materiali per la stampa 3D personalizzati, dedicati a questa specifica tecnologia e applicazione.

I materiali creati ad hoc, denominati Luvocom 3F sono in polimeri termoplastici, come poliammidi ad alte prestazioni e PEEK. Inoltre, per ottenere le proprietà meccaniche richieste, sono stati rinforzati con fibre di carbonio e modificati per fornire una maggiore resistenza e leggerezza del layer.
Grazie alle leggere e resistenti parti stampate in 3D, la barca sarà altamente competitiva. Inoltre, la stampa 3D riduce drasticamente i tempi di costruzione con un notevole abbattimento di costi di realizzazione.
Lo yacht Livrea mostrerà, in occasione della prossima competizione Minitransat 2019, le altissime perfomance che i polimeri di elaborazione 3D e di stampa 3D possono raggiungere.

Attualmente sono in corso le attività di simulazione e valutazione, supportate da ingegneri esperti in America’s Cup e Volvo Ocean Race, mentre la costruzione della barca è stata affidata al team NautiLab


Leggi anche

Williams Advanced Engineering (WAE) e il suo Team, a stagione conclusa, impiegano le proprie competenze per sviluppare nuove tecnologie sfruttando l’esperienza consolidata nella lavorazione dei materiali compositi. In particolare, WAE ha progettato e realizzato “Bodypod”, una struttura in fibra di carbonio adatta per i trasporti d’emergenza infantile…

Leggi tutto…

La startup Moi, nata all’interno di + Lab del Politecnico di Milano, ha sviluppato e brevettato una tecnologia di stampa 3D in grado di realizzare prodotti ad elevate prestazioni in materiale composito guadagnandosi la vittoria del Pin, Premio Nazionale Innovazione 2018, il concorso legato a idee e business plan del mondo universitario…

Leggi tutto…

Lo sviluppo congiunto cliente – bigHead favorisce alcune applicazioni migliorandone il disegno finale, aumentando le prestazioni e riducendo i costi. Un esempio è stato l’utilizzo di materiali compositi da parte di Siemens per le navicelle usate sulle nuove turbine eoliche offshore 6MW. È stato sostituito un pannello in acciaio – per la manutenzione e relativo fissaggio con bulloni – con uno in composito e bigHead….

Leggi tutto…

Stampato a pezzi, viene poi finito e assemblato a mano: questa tecnologia permette di realizzare forme impensabili prima d’ora. I processi di stampa in 3d garantiscono, alla ruota, principale componente della mobilità, inedite possibilità di sviluppo per gli anni a venire. Ne è un esempio il futuristico cerchio messo a punto da HRE, specialista californiano del settore…

Leggi tutto…

Grazie alle proprietà tipiche del grafene unite a quelle dell’alginato presente nelle alghe marine si potrà produrre un materiale innovativo, resistente e repellente agli oli. Questo il progetto messo in campo da un team di ricercatori americani della Brown University…

Leggi tutto…