Lavorazione ad ultrasuoni per il taglio dei compositi

Il processo prevede una tecnica chiamata “ultrasonically-assisted machining” (UAM), che utilizza un trasduttore piezoelettrico progettato, un dispositivo elettronico che trasforma energia elettrica in energia meccanica vibrazionale, che lavora accoppiato ad una tradizionale macchina per fresatura e foratura.
Le vibrazioni ultrasoniche generano rientrano in un range di frequenze compreso tra 20 kHz e 39 kHz rendendo il materiale composito più morbido nel punto in cui viene lavorato: ciò fa sì che sia richiesta meno forza dallo strumento di taglio riducendo i rischi di danni, gli scarti ed ottenendo una migliore finitura.
Questa tecnica innovativa è stata ideata dal Prof. Vladimir Babitsky della Wolfson School of Mechanical and Manufacturing Engineering, ed è stata ampiamente sviluppata negli ultimi anni con la collaborazione del Dott. Anish Roy ed il Prof. Vadim Silberschmidt.
Il Dott. Roy afferma che la “ultrasonically-assisted machining” (UAM), ha registrato diversi miglioramenti anche per il taglio di leghe aerospaziali difficili da trattare, semplificandolo a tal punto da renderlo paragonabile al taglio del burro.
La tecnica è attualmente in fase di ottimizzazione per essere applicata anche nel campo biomedicale, ad esempio per la chirurgia ortopedica che richiede la perforazione delle ossa.

Fonte: www.lboro.ac.uk


Leggi anche

Archer and Fiat Chrysler announced the agreement for the production of electric aircraft. This partnership will probably allow the start-up to low purchasing costs and to accelerate the launch of an electric flying car….

Leggi tutto…

Concordia Centre for Composites (CONCOM) is one of the participants in the Academic Partner Program (APP) launched by AnalySwift. Its research concerns the development of thermoplastic composites landing gear for helicopters using two AnalySwift products: the VABS and SwiftComp simulation software.

Leggi tutto…

Alpha rocket, produced by the house Firefly Aerospace, will be upgraded using the automatic carbon fiber spreading process. The new automated rocket manufacturing sites will create several advantages, such as reduced composite material waste, manpower, construction time, structure weight, and overall costs….

Leggi tutto…

La Scuola estiva materiali compositi prenderà il via dal 15 al 17 settembre in 3 sessioni pomeridiane online attraverso la piattaforma “Compositi Live Webinar”.
La Scuola è rivolta a tecnici e progettisti, ricercatori, studenti che desiderano approfondire le proprie competenze su proprietà, tecnologie di processo, progettazione e nuove applicazioni. Qui di seguito l’abstract dell’intervento dal titolo “Thermoplastic Composites: current production and new developments in Aerospace” che terrà Arnt Offringa, GNK Fokker….

Leggi tutto…

University of Illinois composite manufacturing methods

Le ali degli aeroplani, le pale delle turbine eoliche e altre parti di grandi dimensioni vengono in genere create utilizzando la polimerizzazione in massa (bulk polymerization), che richiede l’impiego di enormi autoclavi. La frontal polymerization è un nuovo metodo per la produzione dei compositi che al contrario non necessita di un investimento in grandi strutture. I ricercatori dell’Università dell’Illinois a Urbana-Champaign hanno condotto uno studio, mettendo i due processi a confronto per valutare i rispettivi pro e contro…

Leggi tutto…