Magnasense, il nuovo progetto NDT nell’aerospace


Con la globalizzazione in crescita si è verificato un notevole aumento nel traffico aereo negli ultimi decenni, e tutte le previsioni suggeriscono che continuerà a crescere nei prossimi due decenni. Le tecnologie di controllo non distruttive sono fondamentali per la competitività e la sostenibilità. Possono rilevare meglio i difetti e i danni, riducendo ii tempi per la manutenzione e i costi di riparazione. Favoriscono inoltre le riduzioni di peso associate all’inclusione di funzioni di sicurezza aggiuntive e riducono così il carico che gli aerei trasportano e il consumo di carburante e le emissioni associate.

Con il supporto UE del progetto Magnasense (Magnetostrictive sensor applications for self-sensing of composite structures) gli scienziati hanno sviluppato tecnologie di manutenzione intelligente per strutture composite resistenti e leggere rafforzate da fibre di carbonio (CFR). Esse si basano su fili magnetici sensibili allo sforzo intessuti in una rete metallica e incorporati nel composito CFR.

File di rilevamento del flusso magnetico prive di contatto analizzano ed effettuano la mappatura dello sforzo nelle strutture composite che sfruttano forse la funzione più innovativa del sistema, il monitoraggio ottico. È possibile ottenere ciò grazie a una telecamera a raggi infrarossi (IR) e a un trasduttore con un diodo ad emissione di luce (LED) IR collegato. Il LED guida la telecamera nella localizzazione del sito di controllo. Un sistema di acquisizione dati registra il segnale e lo converte in un formato numerico per l’analisi, con tutte le tecnologie wireless.

Tutto il software e l’hardware si combinano per formare un sistema di rilevamento sofisticato per il monitoraggio della salute strutturale dei compositi CFR. La precisione viene migliorata mediante algoritmi di filtraggio avanzati. Uno strumento di correlazione delle immagini che sfrutta la metrologia ottica confronta la superficie strutturale in condizioni di riferimento e verifica, offrendo una firma dello sforzo a campo completo. Il sistema Magnasense ha indicato con efficienza le aree di danno potenziale in un test di un dimostratore di scala dei componenti, un inserto rafforzato danneggiato con una toppa in composito legato.

Il metodo offre velocemente e in modo affidabile ed economico indicazioni dei danni interni in modo privo di contatto. I partner si aspettano di commercializzare molto velocemente il sistema Magnasense, aumentando notevolmente la competitività globale dell’industria aerospaziale dell’UE e l’intera catena di erogazione per il prodotto. L’accettazione diffusa offrirà inoltre un importante contributo alla sicurezza e alla sostenibilità del volo.

Fonte: http://cordis.europa.eu/result/rcn/170021_it.html


Leggi anche

Concordia Centre for Composites (CONCOM) is one of the participants in the Academic Partner Program (APP) launched by AnalySwift. Its research concerns the development of thermoplastic composites landing gear for helicopters using two AnalySwift products: the VABS and SwiftComp simulation software.

Leggi tutto…

Alpha rocket, produced by the house Firefly Aerospace, will be upgraded using the automatic carbon fiber spreading process. The new automated rocket manufacturing sites will create several advantages, such as reduced composite material waste, manpower, construction time, structure weight, and overall costs….

Leggi tutto…

La Scuola estiva materiali compositi prenderà il via dal 15 al 17 settembre in 3 sessioni pomeridiane online attraverso la piattaforma “Compositi Live Webinar”.
La Scuola è rivolta a tecnici e progettisti, ricercatori, studenti che desiderano approfondire le proprie competenze su proprietà, tecnologie di processo, progettazione e nuove applicazioni. Qui di seguito l’abstract dell’intervento dal titolo “Thermoplastic Composites: current production and new developments in Aerospace” che terrà Arnt Offringa, GNK Fokker….

Leggi tutto…

University of Illinois composite manufacturing methods

Le ali degli aeroplani, le pale delle turbine eoliche e altre parti di grandi dimensioni vengono in genere create utilizzando la polimerizzazione in massa (bulk polymerization), che richiede l’impiego di enormi autoclavi. La frontal polymerization è un nuovo metodo per la produzione dei compositi che al contrario non necessita di un investimento in grandi strutture. I ricercatori dell’Università dell’Illinois a Urbana-Champaign hanno condotto uno studio, mettendo i due processi a confronto per valutare i rispettivi pro e contro…

Leggi tutto…

UK Aerospace funding

Il governo del Regno unito e il mondo dell’industria annunciano progetti di ricerca e sviluppo aerospaziali all’avanguardia, supportati da finanziamenti del settore pubblico e privato per 400 milioni di sterline…

Leggi tutto…