MIT AeroAstro realizza un motore a razzo con stampa 3D

Questa tecnologia permette di creare pezzi stampati 3D in Nylon o Onyx (nylon caricato con fibre di carbonio corte), rinforzati con fibre continue di vetro, carbonio o Kevlar. Queste fibre sono in grado di ottimizzare le prestazioni meccaniche della parte e, nel caso del motore a razzo, di resistere ai carichi termici e meccanici.

L’ugello, la parte del motore a razzo che dirige il flusso dei gas caldi e genera la spinta, è realizzato con materiali compositi, in particolare materiali ablativi composti da un polimero (solitamente resina fenolica) rinforzato con fibre di vetro o di carbonio. I materiali in Fibra di Vetro o Onyx di Markforged rappresentano discreti sostituti dei materiali ablativi, inoltre presentano dei vantaggi notevoli di produzione:

 gli ugelli tradizionali infatti, necessitano di un grande investimento di denaro per essere realizzati e le modifiche in fase di progettazione sono costose e richiedono tempi molto lunghi. Con le lavorazioni tradizionali le parti vengono realizzate nel giro di diverse settimane.

 al contrario, utilizzando la Markforged Mark Two il processo di produzione risulta molto più rapido ed economico e non necessita di eventuali modifiche di attrezzaggio. L’impostazione della quantità e direzione delle fibre di rinforzo è completamente gestita dal software Eiger.
La stampa completa impiega 2 giorni e 7 ore e non richiede alcun cambio utensile. Una volta stampate le componenti necessarie, il motore a razzo viene assemblato con l’aiuto degli O-ring, anelli utilizzati come guarnizioni meccaniche o sigilli, di un barometro e di lamiere in alluminio.

Il motore a razzo, realizzato con materiali compositi, è un vero e proprio esempio d’innovazione tecnologica. Grazie alla stampante 3D professionale Markforged Mark Two e alla tecnologia CFF le parti realizzate sono di elevate proprietà meccaniche. Nylon e Onyx conferiscono durezza e resistenza strutturale, fibra di vetro e carbonio danno rigidità e garantiscono la resistenza alle alte temperature. Questa tecnologia potrebbe rappresentare dunque una valida soluzione per eseguire prototipi e test di motori a razzo, in modo rapido ed economico.

Per avere maggiori informazioni sulle stampanti 3D Markforged è possibile contattare il rivenditore italiano Manufat.


Leggi anche

Graphene Flagship ha riunito i migliori ricercatori europei e le maggiori aziende per discutere nuove strategie di impiego del grafene per migliorare i materiali compositi utilizzati nel settore aerospaziale, automobilistico ed energetico…

Leggi tutto…

I bordi d’attacco delle ali degli aeromobili devono soddisfare una serie di parametri specifici. Una nuova ricerca mostra che una combinazione di schiuma metallica composita d’acciaio (CMF) e resina epossidica presenta caratteristiche avanzate più performanti rispetto all’alluminio attualmente in uso …

Leggi tutto…

Un team di ricercatori del FAMU-FSU College of Engineering dell’Istituto di materiali ad alte prestazioni della Florida State University sta sviluppando un progetto per uno scudo termico che protegge meglio satelliti, missili e aerei a reazione dalle altissime temperature a cui sono sottoposti…

Leggi tutto…

Il Distretto aerospaziale della Sardegna (DASS) ha ricevuto dal socio Avio una nuova commessa per sviluppare un processo innovativo di produzione di materiali compositi carbonio/carbonio tramite l’impiego della tecnologia Spark Plasma Sintering (SPS)…

Leggi tutto…

Dalla partnership tra l’Università di Tor Vergata, Regione Lazio (Italia) e ISIS Pulsed Neutron and Muon Source (Oxfordshire-Gran Bretagna) nasce ISIS@MACH (MAterials Characterization Hub), una nuova infrastruttura di ricerca con sede nella Regione Lazio con l’obiettivo di approfondire lo studio della proprietà dei materiali compositi su scala nanometrica…

Leggi tutto…