Nuovi successi per gli espositori italiani al JEC World 2019

Il salone JEC WORLD 2019 si è concluso martedì 14 marzo dopo tre intense giornate all’insegna dell’innovazione, del networking e della condivisione delle conoscenze. 1.300 espositori, 43.000 visitatori professionisti da 112 paesi partecipanti e 27 padiglioni nazionali: sono questi i numeri, come riportati dal meeting delle associazioni europee e globali di settore, di JEC World, il luogo in cui il mondo dei materiali compositi si incontra riunendo i protagonisti del settore e i loro rappresentanti. Soprattutto, il meeting ha messo in luce il dinamico ecosistema di materiali compositi di cui sono ricchi paesi come Francia, Turchia e Olanda, grazie alle visite speciali a Parigi e alla partecipazione attiva di aziende, funzionari ed enti governativi.

Gli organizzatori del JEC World hanno creato speciali programmi sotto forma di tracce, esposizioni e conferenze dedicate a audience specifiche di settori come aerospaziale, automotive ed edilizia, per consentire a ciascuno di meglio comprendere l’offerta di materiali compositi nelle varie applicazioni.

Al JEC World hanno visto la luce rapporti commerciali di altissimo profilo e partnership strategiche, tra i quali spiccano i seguenti annunci: Solvay e Airborne siglano un memorandum d’intesa; SGL Carbon e Onur collaborano all’isolamento di motori per l’aviazione; Coriolis e Cevotec entrano a far parte del Fiber Placement Center (FPC); Hexcel e Arkema inaugurano un laboratorio di ricerca e sviluppo congiunti in Francia, Hexcel e Lavoisier Composites stringono un’alleanza per il riciclaggio e la valorizzazione di sottoprodotti compositi provenienti dal settore manifatturiero aeronautico, mentre Faurecia e Michelin danno vita un leader globale della mobilità basata sull’idrogeno.

Come previsto, anche questa edizione di JEC World ha consentito ai protagonisti del settore come aziende manifatturiere, tecnici, decision maker, buyer e responsabili R&S di condividere conoscenze, fare rete e innovare attraverso: 35 conferenze tecniche; demo live di processi ed applicazioni pratiche grazie alle quattro aree “Composites In Action” dove sono stati presentati i più recenti sviluppi scientifici e tecnologici nel campo dell’Additive Manufacturing e della stampa 3D applicata ai materiali compositi; 3 Composites Industry Circles, pensati per far incontrare i decision maker dei settori automotive globale, aerospaziale ed edile sul tema dello sviluppo dei materiali compositi.

Importanti relatori hanno traghettato i programmi di innovazione globale di JEC Group in una nuova dimensione: inaugurando l’evento JEC Startup Booster, la più grande competizione del mondo tra startup nel campo dei materiali compositi, Enrico Palermo, CEO di TSC, che sta sviluppando la navetta per il programma di voli spaziali di Virgin Galactic, ha presentato la prossima generazione di veicoli spaziali riutilizzabili e il loro impatto su costi, sicurezza e ambiente durante il lancio. Alla cerimonia di apertura dei JEC Innovation Awards, i riconoscimenti più ambiti nel settore dei materiali compositi, Bertrand Piccard, Presidente e padre della Solar Impulse Foundation, protagonista del famoso volo intorno al mondo senza una goccia di carburante compiuto dall’omonimo velivolo, ha conquistato il pubblico presente in sala con una forte e coinvolgente Call to action in difesa dell’ambiente. Hemant Bheda, co-fondatore di Arevo, una delle aziende di stampa 3D di maggiore successo, ha presentato la cerimonia della JEC Composites Challenge con una conferenza sull’additive manufacturing, chiara testimonianza della diffusione a macchia d’olio delle tecnologie di stampa 3D. Carlo Ratti, Architetto, direttore e fondatore del Senseable City Lab del MIT di Boston ha sottolineato quali benefici può trarre l’architettura dai materiali compositi avanzati e dall’Internet delle cose nel quadro del programma di materiali compositi per l’Edilizia sviluppato da JEC.

Oltre 250 relatori hanno dato vita a una condivisione delle conoscenze incredibilmente completa e animata, con infinite occasioni per fare rete e innumerevoli programmi di innovazione… 3 pilastri fondamentali che non hanno fatto altro che rafforzare l’indiscusso successo di JEC World.

Successo condiviso dalle aziende italiane rappresentate a JEC World con marchi come: Polynt-Reichhold per le materie prime; Belotti, Biesse, Breton, Cannon, CMS, Cutting Trading International, Duna-Corradini, Ge.Fim, MAE, Orma Macchine, Waterjet Corporation, ecc. per i macchinari; Advanced Composites Solutions, G-Angeloni, Novation Tech, HP Composites, ecc. per le parti di ricambio; Delta-Preg, Composite Materials, Top Glass per i prodotti intermedi e, per il riciclaggio, RYMYC ecc.

Se la vostra azienda opera nei settori automobilistico e dei trasporti, aerospaziale, edilizia e ingegneria civile, energia sostenibile, sport e tempo libero, medicale, ecc. o se vi occupate di fibre (a base di carbonio, vetro, naturali), resine, additivi, macchine e processi, o di trasformazione dalle parti intermedie a quelle finite, JEC World è il punto d’incontro giusto per voi. Entrate a far parte della community mondiale dei materiali compositi, che si riunirà di nuovo a Parigi dal 3 al 5 marzo 2020.

Maggiori informazioni all’indirizzo www.jec-world.events


Leggi anche

La Scuola estiva materiali compositi prenderà il via dal 15 al 17 settembre in 3 sessioni pomeridiane online attraverso la piattaforma “Compositi Live Webinar”.
La Scuola è rivolta a tecnici e progettisti, ricercatori, studenti che desiderano approfondire le proprie competenze su proprietà, tecnologie di processo, progettazione e nuove applicazioni. Qui di seguito l’abstract dell’intervento dal titolo “Thermoplastic Composites: current production and new developments in Aerospace” che terrà Arnt Offringa, GNK Fokker….

Leggi tutto…

University of Illinois composite manufacturing methods

Le ali degli aeroplani, le pale delle turbine eoliche e altre parti di grandi dimensioni vengono in genere create utilizzando la polimerizzazione in massa (bulk polymerization), che richiede l’impiego di enormi autoclavi. La frontal polymerization è un nuovo metodo per la produzione dei compositi che al contrario non necessita di un investimento in grandi strutture. I ricercatori dell’Università dell’Illinois a Urbana-Champaign hanno condotto uno studio, mettendo i due processi a confronto per valutare i rispettivi pro e contro…

Leggi tutto…

UK Aerospace funding

Il governo del Regno unito e il mondo dell’industria annunciano progetti di ricerca e sviluppo aerospaziali all’avanguardia, supportati da finanziamenti del settore pubblico e privato per 400 milioni di sterline…

Leggi tutto…

Aperte le iscrizioni per la Scuola Estiva Materiali Compositi 2020

Quest’anno la Scuola Estiva Materiali Compositi si svolgerà online e in collaborazione con Compositi Magazine e la piattaforma Compositi Live Webinar. L’evento si svolgerà in tre sessioni pomeridiane nelle giornate del 15, 16 e 17 settembre. È possibile iscriversi sia a una sola sessione, che a due o a tutte e tre. Iscriviti ad ogni sessione a cui vuoi partecipare, effettuando una singola registrazione per ciascuna. L’iscrizione verrà ritenuta valida una volta ricevuta la contabile del bonifico….

Leggi tutto…

I ricercatori del Center for Composite Materials (CCM) dell’Università di Delaware (Usa) hanno creato un materiale composito a fibra corta ad altissima resistenza che può essere stampato in forme complesse in meno di un minuto. Il nuovo materiale ad alte prestazioni, noto come TuFF (Tailored Universal Feedstock for Forming), eguaglia le proprietà dei migliori compositi a fibre continue utilizzati nelle applicazioni aerospaziali e ridurre i costi di produzione dei componenti…

Leggi tutto…