Nuovo pannello strumenti in compositi per Airbus H125

A dare vita a questa innovazione è stata SPAES GmbH & Co. KG, società di riferimento nel settore dell’aviazione, specializzata in attrezzature tattiche di missione e sistemi medici.

Il prototipo è stato costruito in coordinamento con il cliente, facendo in modo che i singoli strumenti di visualizzazione venissero utilizzati per prendere le misure del pannello, tenendo conto anche della parallasse.

 

Il processo di realizzazione

Il coperchio del cruscotto, la cui superficie può essere personalizzata mediante un rivestimento disponibile in diversi colori, è stato prodotto utilizzando alcuni materiali compositi, come la fibra di vetro e la fibra di carbonio.

La documentazione di installazione è stata redatta dall’EASA Part 21J Design Organization, facente parte della stessa SPAES. Dopo aver completato i test, è stata finalizzata e rilasciata Modifica Minore dell’installazione.

Il panello H125, prodotto in collaborazione con gli esperti della Part 145 Maintenance Organization, è disponibile con il modulo EASA 1 o CoC. Inoltre è possibile includere anche l’etichettatura o l’illuminazione.

 

A proposito di SPAES

Fondata da Joachim Schanz, nel 2014, l’azienda ha un vasto portafoglio di prodotti e servizi, che comprende:

  • progettazione e certificazione di attrezzature speciali
  • sistemi EMS integrati e per aerei ed elicotteri, conformi alle norme e agli standard dell’aviazione europea.

In qualità di organizzazione indipendente EASA Part 21J Design SPAES offre l’esecuzione di Certificato di Tipo Supplementare (STC), Minor Modifica e Minor Riparazione nel settore dell’avionica (interno della cabina, struttura, sistemi elettrici), dell’NVIS (Skywave a incidenza quasi verticale) e delle apparecchiature mediche.

 


Leggi anche

Utilizzare nuovi metodi di stampa 3D per fabbricare, a costi contenuti, prodotti in materiali compositi ed ibridi da utilizzare nei settori farmaceutico, aeronautico e automobilistico. È questo l’obiettivo del progetto AMICO che nasce dalla collaborazione tra IMAST (Distretto tecnologico italiano per l’ingegneria dei materiali compositi), che ha fatto da capofila, ENEA, Leonardo, FCA Italy, MBDA, Dompé Farmaceutici, Cnr, CRF, CIRA, Politecnico di Torino, Università di Napoli Federico II, Università di Roma “La Sapienza”, Università di Trento e Aerosoft Spa…

Leggi tutto…

La corsa verso gli obiettivi europei di neutralità climatica e la scelta di una strategia inclusiva in materia di transizione ecologica e digitale, sono stati gli argomenti al centro dell’European SDG Summit, che si è svolto online, dal 10 al 12 ottobre scorsi, e ha visto la partecipazione di oltre cento relatori, in rappresentanza delle istituzioni europee, delle realtà industriali e della società civile. …

Leggi tutto…

Obiettivo del progetto, che unisce ricerca e industria, è quello di definire un nuovo standard di accessibilità per la produzione di parti composite strutturali stampate in 3D. Queste potranno quindi essere realizzate con la stessa facilità delle alternative metalliche, grazie agli innovativi strumenti di workflow Additive Fusion Technology. …

Leggi tutto…

È stato recentemente progettato e approvato un armadio di stoccaggio medico che verrà utilizzato da un operatore di soccorso aereo. Piloti e paramedici ritengono che il Medical Storage Cabinet sia molto utile per conservare in sicurezza l’attrezzatura nella cabina passeggeri….

Leggi tutto…

Un team di ricercatori dell’Università del Texas ad Arlington (UTA), guidati da Paul Davidson, assistente professore del Dipartimento di ingegneria meccanica e aerospaziale (MAE), sta mettendo a punto uno strumento predittivo che utilizzerà l’apprendimento automatico e strumenti computazionali, per determinare la vita, la durata e la sicurezza dei compositi utilizzati nella produzione di aeromobili….

Leggi tutto…