Nuovo pannello strumenti in compositi per Airbus H125

A dare vita a questa innovazione è stata SPAES GmbH & Co. KG, società di riferimento nel settore dell’aviazione, specializzata in attrezzature tattiche di missione e sistemi medici.

Il prototipo è stato costruito in coordinamento con il cliente, facendo in modo che i singoli strumenti di visualizzazione venissero utilizzati per prendere le misure del pannello, tenendo conto anche della parallasse.

 

Il processo di realizzazione

Il coperchio del cruscotto, la cui superficie può essere personalizzata mediante un rivestimento disponibile in diversi colori, è stato prodotto utilizzando alcuni materiali compositi, come la fibra di vetro e la fibra di carbonio.

La documentazione di installazione è stata redatta dall’EASA Part 21J Design Organization, facente parte della stessa SPAES. Dopo aver completato i test, è stata finalizzata e rilasciata Modifica Minore dell’installazione.

Il panello H125, prodotto in collaborazione con gli esperti della Part 145 Maintenance Organization, è disponibile con il modulo EASA 1 o CoC. Inoltre è possibile includere anche l’etichettatura o l’illuminazione.

 

A proposito di SPAES

Fondata da Joachim Schanz, nel 2014, l’azienda ha un vasto portafoglio di prodotti e servizi, che comprende:

  • progettazione e certificazione di attrezzature speciali
  • sistemi EMS integrati e per aerei ed elicotteri, conformi alle norme e agli standard dell’aviazione europea.

In qualità di organizzazione indipendente EASA Part 21J Design SPAES offre l’esecuzione di Certificato di Tipo Supplementare (STC), Minor Modifica e Minor Riparazione nel settore dell’avionica (interno della cabina, struttura, sistemi elettrici), dell’NVIS (Skywave a incidenza quasi verticale) e delle apparecchiature mediche.

 


Leggi anche

Dettagli concettuali, come l’incorporazione di materiali compositi; un design biomimetico e un focus sulla sicurezza caratterizzano il nuovo concept dell’abitacolo a cinque posti del veicolo elettrico a decollo e atterraggio verticale (eVTOL) di Supernal. Il team di ingegneri e progettisti ha utilizzato l’approccio riduttivo dell’industria automobilistica per creare una cabina leggera, in fibra di carbonio sagomata. …

Leggi tutto…

Il progetto, finanziato da un contratto Australian Government Defence Innovation Hub, ha visto la progettazione di una ruota in fibra di carbonio con una capacità di carico di 9.000 kg e un peso del 35% inferiore rispetto a quelle attualmente utilizzate sul velivolo. La ruota concettuale garantisce, inoltre, una maggiore durata e rappresenta un punto di partenza per altre applicazioni aerospaziali e militari con sollevamento verticale….

Leggi tutto…

Partita a luglio la collaborazione tra la compagnia statunitense e i leader mondiali nipponici nella produzione di fibre avanzate e materiali prepeg. Il prototipo, ideato per la mobilità aerea urbana negli USA al via nel 2023, sarà realizzato con il composito in carbonio e resina oggi con maggiore resistenza alla trazione. Avrà una bassa rumorosità e sarà a emissioni zero….

Leggi tutto…

Strutture dei velivoli in miscele di plastica, grafite e ceramica al posto dei metalli per rendere la prossima generazione di aerei da trasporto leggera, aerodinamica, a minor consumo di carburante. Coinvolti nel progetto HiCAM centri di ricerca, gruppi dell’industria ed enti del governo. L’obbiettivo è ridurre i tempi di produzione dei compositi polimerici, diffondendone l’uso….

Leggi tutto…

Il Gruppo Reglass, oltre 100 anni di attività, da più di 40 opera nel campo dei materiali compositi avanzati della fibra di carbonio. Resine polimeriche e fibre di carbonio vengono trasformate in fogli di pre-impregnato (prepreg) per produrre tubi altamente performanti. A supporto, l’attività di ricerca e sviluppo che si svolge nei laboratori aziendali in collaborazione con Università e centri di ricerca….

Leggi tutto…