Partnership nel riciclo di compositi in carbonio


Negli ultimi anni Boeing è impegnata a ridurre gli sfridi della lavorazione dei materiali fibrorinforzati e ha sviluppato uno schema per la loro raccolta, ma ad oggi non era ancora disponibile una valida tecnologia per il riciclo di fibre e matrici polimeriche. Da questa esigenza nasce l’accordo con la britannica ELG, che ha sviluppato una tecnica per recuperare e riutilizzare le fibre di carbonio presenti nel composito. I materiali di scarto o in eccesso vengono messi in un forno in grado di vaporizzare la resina che tiene insieme gli strati di fibra di carbonio, rendendo il rinforzo nuovamente disponibile.
Per dimostrare la validità di questa tecnologia su larga scala, Boeing ed ELG hanno condotto un progetto pilota presso il Composite Wing Center di Everett (Washington, USA), dove vengono costruite le ali per il nuovo aeroplano 777X. In 18 mesi, sono state recuperate 680 tonnellate di fibra. Questa, una volta rigenerata, è stata ceduta per un nuovo utilizzo ad aziende operanti nel settore dell’elettronica e automotive.
Il progetto sarà implementato in tutti gli undici siti del gruppo americano consentendo di ridurre del 20% i rifiuti solidi destinati a discarica entro il 2025, con risparmi stimati in un milione di sterline l’anno.
“Grazie a questa collaborazione, l’impegno ambientale di Boeing è ad un livello completamente nuovo: nel prossimo futuro riciclare i compositi sarà un processo standard, come il riciclo dell’alluminio o del titanio”, ha dichiarato Kevin Bartelson, responsabile produzioni ali 777.


Leggi anche

Singapore Airlines inaugura una nuova generazione di viaggi commerciali a lungo raggio. L’apparecchio decollato da Singapore è atterrato all’aeroporto di New York dopo quasi 18 ore coprendo una distanza superiore a 16.000 chilometri, quasi 9.000 miglia nautiche, diventando a tutti gli effetti il volo commerciale più lungo al mondo…

Leggi tutto…

AMSilk, azienda leader nel settore aerospaziale e produttore di biopolimeri avanzati, in partnership con Airbus, sviluppa l’utilizzo della fibra Biosteel® nella realizzazione di aerei leggeri e ad alte prestazioni. La nuova fibra, identica nella composizione molecolare alla ragnatela, ovvero la seta prodotta dal ragno, offre una flessibilità superiore rispetto alla fibra di carbonio, consentendo nuove tecniche di progettazione e costruzione, senza comprometterne la forza e rendendo il prodotto altamente sostenibile e privo di alcun input di petrolio…

Leggi tutto…

In occasione della IV edizione del Convergent Aeronautics Solutions (CAS), la NASA selezionerà tre nuove idee meritevoli di ulteriore ricerca all’interno della stessa NASA o presso aziende di settore. La selezione dei progetti inizierà il 1° ottobre e riguarderà le seguenti tematiche: nuove tecniche di assemblaggio con materiali compositi, nuove soluzioni per ridurre e dissipare il calore generato da un motore elettrico e l’utilizzo di una soluzione a base d’acqua per generare elettricità e sostituire le batterie in litio…

Leggi tutto…

Chem-Trend, leader del mercato nello sviluppo e nella produzione di prodotti distaccanti superperformanti, granulati detergenti e altri strumenti per la formatura, è stata certificata dalla Società Tedesca di Certificazioni di Sistemi di Management (Deutsche Gesellschaft zur Zertifizierung von Managementsystemen – DQS -) ai sensi della EN 9100: 2016. L’azienda, in questo modo, adempie alle severe prescrizioni di qualità poste ai rifornitori nel campo dell’aeronautica.

Leggi tutto…

Gli UAV (unmanned aerial vehicle), i veicoli aerei senza pilota, ora sono droni e la tecnologia dei droni guarda oggi ai materiali compositi. Una delle grandi promesse di utilizzo dei compositi nei droni è quella di abilitare i sistemi persistenti di lunga durata che forniscono un accesso a Internet WiFi su ampia area. Due i prototipi in volo, L’ Aquila di Facebook e il Jungle Hawk Owl prodotto dall’Istituto di tecnologia del Massachusetts

Leggi tutto…