Ricerca e industria insieme per migliorare la stampa 3D di materiali compositi high-tech

L’iniziativa può contare su un budget di otto milioni di euro, di cui la metà finanziato dal Ministero Università e Ricerca.

 

Competenze diverse a fattor comune

Le soluzioni adottate nel progetto rispondono all’esigenza di generare materiali sempre più versatili e funzionali, impiegando metodi di costruzione alternativi ai processi convenzionali.

Inoltre, in una visione di economia circolare, si è fatto ricorso a tecnologie per il riciclo di sfridi di lavorazione e residui di sistemi termoplastici, in particolare a base di fibra di carbonio, provenienti dall’attività di rifinitura dei pezzi.

Il progetto AMICO rappresenta un caso unico – commenta Eva Milella, presidente del distretto IMASTin cui aziende appartenenti a settori totalmente diversi tra loro collaborano con le più prestigiose università ed enti di ricerca, dando vita ad un programma trasversale e multidisciplinare”.

 

Il contributo della ricerca in ambito aerospaziale

ENEA ha preso parte alle attività del settore aeronautico orientate alla validazione preliminare dei campioni fabbricati, sviluppando operazioni sia di recupero e valorizzazione dei materiali di scarto dei procedimenti di Additive Manufacturing che di diagnostica di processo attraverso tecniche ottiche.

AMICO ha rappresentato per ENEA un momento di confronto sulla sperimentazione dei processi sui materiali di nuova generazione del settore dei compositi aereonautici. – Sottolinea Sergio Galvagno, ricercatore ENEA del Laboratorio Nanomateriali e dispositivi – Il progetto ci ha consentito di sperimentare nuove strade per l’utilizzo delle fibre di carbonio recuperate (RCF), sia come punto di partenza per materiali ceramici sia attraverso la realizzazione di filamenti per stampa 3D caricati”.

 


Leggi anche

Il progetto, finanziato da un contratto Australian Government Defence Innovation Hub, ha visto la progettazione di una ruota in fibra di carbonio con una capacità di carico di 9.000 kg e un peso del 35% inferiore rispetto a quelle attualmente utilizzate sul velivolo. La ruota concettuale garantisce, inoltre, una maggiore durata e rappresenta un punto di partenza per altre applicazioni aerospaziali e militari con sollevamento verticale….

Leggi tutto…

Partita a luglio la collaborazione tra la compagnia statunitense e i leader mondiali nipponici nella produzione di fibre avanzate e materiali prepeg. Il prototipo, ideato per la mobilità aerea urbana negli USA al via nel 2023, sarà realizzato con il composito in carbonio e resina oggi con maggiore resistenza alla trazione. Avrà una bassa rumorosità e sarà a emissioni zero….

Leggi tutto…

Strutture dei velivoli in miscele di plastica, grafite e ceramica al posto dei metalli per rendere la prossima generazione di aerei da trasporto leggera, aerodinamica, a minor consumo di carburante. Coinvolti nel progetto HiCAM centri di ricerca, gruppi dell’industria ed enti del governo. L’obbiettivo è ridurre i tempi di produzione dei compositi polimerici, diffondendone l’uso….

Leggi tutto…

Il Gruppo Reglass, oltre 100 anni di attività, da più di 40 opera nel campo dei materiali compositi avanzati della fibra di carbonio. Resine polimeriche e fibre di carbonio vengono trasformate in fogli di pre-impregnato (prepreg) per produrre tubi altamente performanti. A supporto, l’attività di ricerca e sviluppo che si svolge nei laboratori aziendali in collaborazione con Università e centri di ricerca….

Leggi tutto…

Il Gruppo Reglass, oltre 100 anni di attività, da più di 40 opera nel campo dei materiali compositi avanzati della fibra di carbonio. Resine polimeriche e fibre di carbonio vengono trasformate in fogli di pre-impregnato (prepreg) per produrre tubi altamente performanti. A supporto, l’attività di ricerca e sviluppo che si svolge nei laboratori aziendali in collaborazione con Università e centri di ricerca….

Leggi tutto…