Ricerca e industria insieme per migliorare la stampa 3D di materiali compositi high-tech

L’iniziativa può contare su un budget di otto milioni di euro, di cui la metà finanziato dal Ministero Università e Ricerca.

 

Competenze diverse a fattor comune

Le soluzioni adottate nel progetto rispondono all’esigenza di generare materiali sempre più versatili e funzionali, impiegando metodi di costruzione alternativi ai processi convenzionali.

Inoltre, in una visione di economia circolare, si è fatto ricorso a tecnologie per il riciclo di sfridi di lavorazione e residui di sistemi termoplastici, in particolare a base di fibra di carbonio, provenienti dall’attività di rifinitura dei pezzi.

Il progetto AMICO rappresenta un caso unico – commenta Eva Milella, presidente del distretto IMASTin cui aziende appartenenti a settori totalmente diversi tra loro collaborano con le più prestigiose università ed enti di ricerca, dando vita ad un programma trasversale e multidisciplinare”.

 

Il contributo della ricerca in ambito aerospaziale

ENEA ha preso parte alle attività del settore aeronautico orientate alla validazione preliminare dei campioni fabbricati, sviluppando operazioni sia di recupero e valorizzazione dei materiali di scarto dei procedimenti di Additive Manufacturing che di diagnostica di processo attraverso tecniche ottiche.

AMICO ha rappresentato per ENEA un momento di confronto sulla sperimentazione dei processi sui materiali di nuova generazione del settore dei compositi aereonautici. – Sottolinea Sergio Galvagno, ricercatore ENEA del Laboratorio Nanomateriali e dispositivi – Il progetto ci ha consentito di sperimentare nuove strade per l’utilizzo delle fibre di carbonio recuperate (RCF), sia come punto di partenza per materiali ceramici sia attraverso la realizzazione di filamenti per stampa 3D caricati”.

 


Leggi anche

AIMPLAS e TNO hanno concluso il progetto ELIOT, che prevede una revisione completa delle tecnologie di riciclaggio per compositi e biocompositi. Durante i test sono stati valutati dodici metodi applicati a sei diversi materiali. La solvolisi e la pirolisi sono risultate le alternative più promettenti per la produzione su larga scala. La pirolisi, tuttavia, ha dimostrato di avere costi economici ed ambientali maggiori rispetto alla solvolisi, dal momento che genera il 17% in più di anidride carbonica e sviluppa il doppio del calore….

Leggi tutto…

In occasione dell’evento JEC Forum ITALY – organizzato da JEC Group in collaborazione con Assocompositi – del prossimo 6-7 giugno 2023 a Bologna, Leonardo Spa terrà un intervento all’interno della sessione “Nuovi modelli per l’innovazione e nuove tecnologie”. Disponibile ora l’abstract dello speech!…

Leggi tutto…

Nell’ottica di rendere più sostenibile l’industria aerospaziale, i compositi a sandwich possono sostituire i termoindurenti tradizionali nella creazione di parti strutturali degli aerei, senza rinunciare alla resistenza in ambienti estremi o in situazioni di carico imprevisto. EconCore sta lavorando con Airbus, Fraunhofer e il Politecnico della Danimarca (DTU) alla realizzazione di un timone sostenibile per un aeromobile in compositi a nido d’ape….

Leggi tutto…

Oggi parlare di aviazione sostenibile, vuol dire porsi l’obiettivo di ridurre il peso strutturale dei velivoli, limitando al contempo anche i consumi e le emissioni. Per raggiungere tale scopo è opportuno sostituire le parti metalliche con equivalenti in compositi, che possiedono elevati rapporti di resistenza e rigidità rispetto al peso. NLR (Netherlands Aerospace Centre) sta esplorando le potenzialità della produzione additiva su larga scala di materiali termoplastici rinforzati con fibre….

Leggi tutto…

De Havilland Dash 8, il nuovo aeromobile della Universal Hydrogen, si è alzato per la prima volta in volo a inizio marzo del 2023. Uno dei suoi motori a turbina era stato sostituito da un propulsore elettrico a combustibile a idrogeno di classe megawatt, che includeva un’elica in fibra di carbonio con profilo alare a cinque pale del diametro di 2,3 metri….

Leggi tutto…