Robusto e leggero il magazzino in compositi per la conservazione dei medicinali a bordo degli aeromobili

SPAES, che ha costruito il magazzino per DRF Luftrettung gag, ha effettuando le misurazioni all’interno del velivolo, per la produzione di un progetto in 3D del cabinet. Successivamente, è stato creato un prototipo di legno, che è stato usato per un fit-check. Da lì sono state prese le misure per la realizzazione del progetto finale.

 
I vantaggi dei materiali compositi

I pannelli che costituiscono il Medical Storage Cabine sono in fibra di vetro a nido d’ape. Questo tipo di struttura, costituita da un’anima di alluminio a nido d’ape e una copertura in fibra di vetro epossidica, è quella più idonea alla realizzazione di un magazzino che non sia solo robusto e leggero, ma anche auto-estinguente, ossia in grado di interrompere autonomamente la propagazione delle fiamme in caso di incendio.

Inoltre, le caratteristiche tecniche della fibra di vetro permettono di personalizzare l’armadio di stoccaggio, modificando, in base alle esigenze del singolo committente, sia il colore che il numero e la disposizione degli scaffali.

 

Lo stato dell’arte

Due magazzini di stoccaggio sono stati già fabbricati. Uno è stato usato per le prove di resistenza, facendo uso dei carichi reali. Il secondo è stato consegnato al cliente: DRF Luftrettung.

La produzione è stata completata all’interno dell’organizzazione di produzione EASA Part 21G di SPAES, con il rilascio di un modulo EASA 1. L’approvazione dell’installazione è stata certificata con “modifica minore” dall’organizzazione di progettazione EASA Part 21J.

 


Leggi anche

Partita a luglio la collaborazione tra la compagnia statunitense e i leader mondiali nipponici nella produzione di fibre avanzate e materiali prepeg. Il prototipo, ideato per la mobilità aerea urbana negli USA al via nel 2023, sarà realizzato con il composito in carbonio e resina oggi con maggiore resistenza alla trazione. Avrà una bassa rumorosità e sarà a emissioni zero….

Leggi tutto…

Strutture dei velivoli in miscele di plastica, grafite e ceramica al posto dei metalli per rendere la prossima generazione di aerei da trasporto leggera, aerodinamica, a minor consumo di carburante. Coinvolti nel progetto HiCAM centri di ricerca, gruppi dell’industria ed enti del governo. L’obbiettivo è ridurre i tempi di produzione dei compositi polimerici, diffondendone l’uso….

Leggi tutto…

Il Gruppo Reglass, oltre 100 anni di attività, da più di 40 opera nel campo dei materiali compositi avanzati della fibra di carbonio. Resine polimeriche e fibre di carbonio vengono trasformate in fogli di pre-impregnato (prepreg) per produrre tubi altamente performanti. A supporto, l’attività di ricerca e sviluppo che si svolge nei laboratori aziendali in collaborazione con Università e centri di ricerca….

Leggi tutto…

Il Gruppo Reglass, oltre 100 anni di attività, da più di 40 opera nel campo dei materiali compositi avanzati della fibra di carbonio. Resine polimeriche e fibre di carbonio vengono trasformate in fogli di pre-impregnato (prepreg) per produrre tubi altamente performanti. A supporto, l’attività di ricerca e sviluppo che si svolge nei laboratori aziendali in collaborazione con Università e centri di ricerca….

Leggi tutto…

In funzione da marzo in uno stabilimento in Italia il sistema avanzato SAMBA Pro Prepreg di Cevotec. La versione è la più evoluta, con due robot a sei assi per la produzione su larga scala di precisione di compositi da multimateriali. La tecnologia di Fibre Patch Placement (FPP) della società tedesca è adatta alla lavorazione delle superfici grandi e complesse delle aerostrutture….

Leggi tutto…