Sarà in compositi il magazzino criogenico di Ariane 6

L’ESA ha autorizzato ArianeGroup a continuare lo sviluppo di Phoebus (Prototype of a Highly OptimizEd Black Upper Stage), dimostratore dello stadio superiore di Ariane 6 realizzato in compositi leggeri in fibra di carbonio.

L’accordo tra l’Agenzia spaziale europea e la joint venture francese, che ha un valore di 50 milioni di euro e segue quelli già firmati nel 2019 e 2021, fa parte di un programma chiave per l’ottimizzazione dell’ICARUS (Innovative Carbon ARiane Upper Stage), con l’obiettivo di stimolare l’innovazione nel campo delle tecnologie dei compositi criogenici.

 

Una collaborazione tutta europea

ArianeGroup ha sviluppato le tecnologie di progettazione per i serbatoi criogenici e le strutture adiacenti, lavorando a stretto contatto con MT Aerospace, azienda tedesca specializzata nella realizzazione di strutture e serbatoi in fibra di carbonio fino a 3,5 m di diametro. Le due realtà proseguiranno la collaborazione anche per le attività di produzione e di test in due fasi del Phoebus.

Entro la metà del 2023, verrà ultimato il primo dimostratore in versione ridotta (2 metri di diametro), allo scopo di verificare la correttezza del processo produttivo. 

 

Una time line molto serrata

Lo step successivo prevede che, con i componenti prodotti da MT Aerospace, ArianeGroup possa iniziare l’assemblaggio e il collaudo del Phoebus, costituito da un serbatoio di idrogeno liquido su uno di ossigeno liquido, secondo le dimensioni reali del futuro upper stage. I test finali, che comprendono il ciclo di riempimento e rifornimento, la pressurizzazione e il drenaggio, saranno condotti verso la fine del 2025 presso il centro di prova dell’Agenzia Aerospaziale Tedesca (DLR) a Lampoldshausen.

Sarà il primo serbatoio criogenico in fibra di carbonio al mondo di queste dimensioni. 

 

Karl-Heinz Servos, direttore industriale di ArianeGroup afferma

Phoebus aprirà la strada al nuovo ‘upper stage nero’ per Ariane 6 e altri lanciatori futuri, ma anche all’introduzione di tecnologie innovative di compositi criogenici e idrogeno liquido nel settore aerospaziale. Con il supporto dell’Esa e la collaborazione di Mt Aerospace, siamo in grado di migliorare ulteriormente la versatilità e la competitività dell’Ariane 6, accelerando l’innovazione spaziale in Europa e guidando lo sviluppo di una nuova famiglia di razzi che garantiscano un accesso allo spazio sempre più sostenibile”.

 


Leggi anche

Il progetto, finanziato da un contratto Australian Government Defence Innovation Hub, ha visto la progettazione di una ruota in fibra di carbonio con una capacità di carico di 9.000 kg e un peso del 35% inferiore rispetto a quelle attualmente utilizzate sul velivolo. La ruota concettuale garantisce, inoltre, una maggiore durata e rappresenta un punto di partenza per altre applicazioni aerospaziali e militari con sollevamento verticale….

Leggi tutto…

Partita a luglio la collaborazione tra la compagnia statunitense e i leader mondiali nipponici nella produzione di fibre avanzate e materiali prepeg. Il prototipo, ideato per la mobilità aerea urbana negli USA al via nel 2023, sarà realizzato con il composito in carbonio e resina oggi con maggiore resistenza alla trazione. Avrà una bassa rumorosità e sarà a emissioni zero….

Leggi tutto…

Strutture dei velivoli in miscele di plastica, grafite e ceramica al posto dei metalli per rendere la prossima generazione di aerei da trasporto leggera, aerodinamica, a minor consumo di carburante. Coinvolti nel progetto HiCAM centri di ricerca, gruppi dell’industria ed enti del governo. L’obbiettivo è ridurre i tempi di produzione dei compositi polimerici, diffondendone l’uso….

Leggi tutto…

Il Gruppo Reglass, oltre 100 anni di attività, da più di 40 opera nel campo dei materiali compositi avanzati della fibra di carbonio. Resine polimeriche e fibre di carbonio vengono trasformate in fogli di pre-impregnato (prepreg) per produrre tubi altamente performanti. A supporto, l’attività di ricerca e sviluppo che si svolge nei laboratori aziendali in collaborazione con Università e centri di ricerca….

Leggi tutto…

Il Gruppo Reglass, oltre 100 anni di attività, da più di 40 opera nel campo dei materiali compositi avanzati della fibra di carbonio. Resine polimeriche e fibre di carbonio vengono trasformate in fogli di pre-impregnato (prepreg) per produrre tubi altamente performanti. A supporto, l’attività di ricerca e sviluppo che si svolge nei laboratori aziendali in collaborazione con Università e centri di ricerca….

Leggi tutto…