SF1000: la nuova monoposto della scuderia Ferrari

Al Teatro Municipale Romolo di Reggio Emilia è stata presentata la Ferrari SF1000 (sigla di progetto 671), la monoposto di Vettel e Leclerc. La vettura è la settantaseiesima monoposto realizzata dalla scuderia Ferrari per il campionato del mondo di Formula 1. Benché imparentata con la precedente monoposto SF90, l’ultima prima della rivoluzione tecnica prevista per il 2021, la nuova nata ha subito un’importante revisione per ottimizzare il carico aerodinamico e il bilanciamento.

Turbocompressore e sistema di recupero di energia

La SF1000 è la settima vettura della generazione ibrida della Formula 1 iniziata nel 2014. Il turbocompressore e il sistema di recupero di energia sono stati sviluppati per ottimizzare la prestazione della Power Unit 065 nel suo complesso.

Sulla base del progetto della vettura 671, il layout della nuova unità è più compatto e presenta una ulteriore razionalizzazione degli ingombri motore e pacco batteria.

Carrozzeria posteriore

La carrozzeria posteriore della nuova SF1000 è più stretta di quella del 2019, grazie a una forma e una disposizione dei componenti sotto cofano ottimizzate. La carrozzeria rastremata aumenta il carico aerodinamico grazie a un flusso più pulito verso l’ala posteriore. La scatola del cambio è stata miniaturizzata per favorire una forma più estrema di carrozzeria e ottenere un’efficienza di raffreddamento simile a quella della vettura 2019 nonostante i volumi più ridotti a disposizione.

Power unit

La power unit di Formula 1 è formata da sei componenti. Si tratta del motore termico, un V6 da 1,6 litri di cilindrata, cui è collegato un turbocompressore. Ci sono poi due motogeneratori: la MGU-K (Motor Generator Unit Kinetic) e la MGU-H (Motor Generator Unit Heat).

La MGU-K deriva direttamente dal sistema noto come KERS, che recupera l’energia cinetica in frenata e la accumula nel pacco batterie fino a quattro MJ. La MGU-H invece è il motogeneratore che recupera l’energia termica dal turbo.

Un altro degli elementi è il pacco batterie nel quale l’energia recuperata viene accumulata prima di essere impiegata. Il sesto componente è l’elettronica di controllo.

Per la stagione 2020, la Power Unit Ferrari 065 ha migliorato ancora l’efficienza del processo di combustione del motore termico, grazie a una evoluzione di progetto e un nuovo combustibile.

Bargeboards

I bargeboards sono le paratie laterali che sulle vetture di Formula 1 moderne aiutano a direzionare i flussi dell’aria su alcune zone specifiche della monoposto. La SF1000 presenta bargeboards dalle forme più complesse, che dimostrano la ricerca costante su ogni dettaglio per massimizzare l’efficienza aerodinamica.

Sistema di raffreddamento

La vettura 2020 è stata progettata per compattare ancora di più gli elementi e ridurre il peso. Ribassando alcuni elementi del sistema di raffreddamento è stato inoltre possibile ottenere un ulteriore abbassamento del baricentro, a tutto vantaggio della performance della monoposto.

Sospensioni anteriori

I bracci della sospensione anteriore nelle vetture di Formula 1 sono tanto importanti per la dinamica e stabilità del veicolo quanto lo sono per l’efficienza aerodinamica, poiché contribuiscono a indirizzare i flussi verso il posteriore. Sulla SF1000 la disposizione degli elementi della sospensione anteriore è stata migliorata, curando l’integrazione degli attacchi della sospensione con la presa aria freni per massimizzare il carico aerodinamico e garantire il corretto raffreddamento di dischi e pinze.

Muso

Il muso della SF1000 estremizza il concetto del muso della SF90 del 2019, presentando un maggiore sbalzo per le strutture che sorreggono l’ala anteriore. Questo cambiamento migliora il carico aerodinamico.

La nuova struttura del muso ha rappresentato un rompicapo per progettisti e produzione compositi, ponendo una difficile sfida per il passaggio dei crash test di omologazione vettura che è però stata superata al primo tentativo.

 
Caratteristiche principali

Motore V6

Cilindrata 1600 cm3

Energia Batteria 4MJ

Potenza MGU-K 120kW

Telaio Ferrari SF1000

Telaio in materiale composito a nido d’ape in fibra di carbonio con protezione halo per l’abitacolo.

Cambio longitudinale Ferrari a 8 marce più retro.

Comando semiautomatico sequenziale a controllo elettronico con cambiata veloce.

Differenziale autobloccante a controllo idraulico.

Freni a disco auto ventilanti in carbonio Brembo (anteriore e posteriore) e sistema di controllo elettronico sui freni posteriori.

Peso con acqua, olio e pilota: 745 kg

Ruote OZ anteriori e posteriori 13”

Motore

CILINDRATA 1600 cc

GIRI MASSIMI 15000

SOVRALIMENTAZIONE Turbo singolo

PORTATA BENZINA 100 kg/hr max

QUANTITÀ BENZINA PER GARA 110 kg

CONFIGURAZIONE V6 90°

ALESAGGIO 80 mm

CORSA 53 mm

VALVOLE 4 per cilindro

INIEZIONE Diretta, max 500 bar

Sistema ers

Energia Batteria 4 MJ

Potenza MGU-K 120 kW

Giri Max MGU-K 50.000

Giri Max MGU-H 125.000

Fonte: motorbox.com ‒ Eventuali modifiche sono a opera della redazione di Compositi magazine.


Leggi anche

Il prossimo 20 febbraio alle ore 14:00 Assocompositi organizza un workshop gratuito presso il Politecnico di Milano. Al centro dell’evento esempi virtuosi di riciclo dei materiali compositi. Per iscriversi c’è tempo fino al 18 febbraio…

Leggi tutto…

L’Aachen Graphene & 2D Materials Center ha vinto due progetti sulla ricerca di base e l’innovazione sul grafene nell’ultima FLAG-ERA Joint Transnational Call…

Leggi tutto…

Un nuovo processo introdotto alla Rice University riesce a trasformare grandi quantità di qualsiasi fonte di carbonio in preziose scaglie di grafene usando uno scoppio di calore e luce. Questo “grafene flash” unito a plastica, metalli, compensato, cemento e altri materiali da costruzione potrebbe trovare applicazioni nella produzione di compositi destinati a numerosi settori differenti…

Leggi tutto…

Gli scienziati della Northwestern University hanno combinato con successo un nanomateriale efficace nella distruzione di agenti nervosi tossici con fibre tessili. Il materiale, una struttura metallo-organica a base di zirconio (MOF), degrada in pochi minuti alcuni degli agenti chimici più tossici conosciuti dall’umanità: VX e soman (GD), un parente più tossico di sarin. Questo nuovo materiale composito potrebbe essere integrato in tute protettive e maschere facciali a uso di coloro che operano in condizioni di estremo pericolo, come la guerra chimica…

Leggi tutto…

Un team di ricercatori del FAMU-FSU College of Engineering dell’Istituto di materiali ad alte prestazioni della Florida State University sta sviluppando un progetto per uno scudo termico che protegge meglio satelliti, missili e aerei a reazione dalle altissime temperature a cui sono sottoposti…

Leggi tutto…