SF1000: la nuova monoposto della scuderia Ferrari

Al Teatro Municipale Romolo di Reggio Emilia è stata presentata la Ferrari SF1000 (sigla di progetto 671), la monoposto di Vettel e Leclerc. La vettura è la settantaseiesima monoposto realizzata dalla scuderia Ferrari per il campionato del mondo di Formula 1. Benché imparentata con la precedente monoposto SF90, l’ultima prima della rivoluzione tecnica prevista per il 2021, la nuova nata ha subito un’importante revisione per ottimizzare il carico aerodinamico e il bilanciamento.

Turbocompressore e sistema di recupero di energia

La SF1000 è la settima vettura della generazione ibrida della Formula 1 iniziata nel 2014. Il turbocompressore e il sistema di recupero di energia sono stati sviluppati per ottimizzare la prestazione della Power Unit 065 nel suo complesso.

Sulla base del progetto della vettura 671, il layout della nuova unità è più compatto e presenta una ulteriore razionalizzazione degli ingombri motore e pacco batteria.

Carrozzeria posteriore

La carrozzeria posteriore della nuova SF1000 è più stretta di quella del 2019, grazie a una forma e una disposizione dei componenti sotto cofano ottimizzate. La carrozzeria rastremata aumenta il carico aerodinamico grazie a un flusso più pulito verso l’ala posteriore. La scatola del cambio è stata miniaturizzata per favorire una forma più estrema di carrozzeria e ottenere un’efficienza di raffreddamento simile a quella della vettura 2019 nonostante i volumi più ridotti a disposizione.

Power unit

La power unit di Formula 1 è formata da sei componenti. Si tratta del motore termico, un V6 da 1,6 litri di cilindrata, cui è collegato un turbocompressore. Ci sono poi due motogeneratori: la MGU-K (Motor Generator Unit Kinetic) e la MGU-H (Motor Generator Unit Heat).

La MGU-K deriva direttamente dal sistema noto come KERS, che recupera l’energia cinetica in frenata e la accumula nel pacco batterie fino a quattro MJ. La MGU-H invece è il motogeneratore che recupera l’energia termica dal turbo.

Un altro degli elementi è il pacco batterie nel quale l’energia recuperata viene accumulata prima di essere impiegata. Il sesto componente è l’elettronica di controllo.

Per la stagione 2020, la Power Unit Ferrari 065 ha migliorato ancora l’efficienza del processo di combustione del motore termico, grazie a una evoluzione di progetto e un nuovo combustibile.

Bargeboards

I bargeboards sono le paratie laterali che sulle vetture di Formula 1 moderne aiutano a direzionare i flussi dell’aria su alcune zone specifiche della monoposto. La SF1000 presenta bargeboards dalle forme più complesse, che dimostrano la ricerca costante su ogni dettaglio per massimizzare l’efficienza aerodinamica.

Sistema di raffreddamento

La vettura 2020 è stata progettata per compattare ancora di più gli elementi e ridurre il peso. Ribassando alcuni elementi del sistema di raffreddamento è stato inoltre possibile ottenere un ulteriore abbassamento del baricentro, a tutto vantaggio della performance della monoposto.

Sospensioni anteriori

I bracci della sospensione anteriore nelle vetture di Formula 1 sono tanto importanti per la dinamica e stabilità del veicolo quanto lo sono per l’efficienza aerodinamica, poiché contribuiscono a indirizzare i flussi verso il posteriore. Sulla SF1000 la disposizione degli elementi della sospensione anteriore è stata migliorata, curando l’integrazione degli attacchi della sospensione con la presa aria freni per massimizzare il carico aerodinamico e garantire il corretto raffreddamento di dischi e pinze.

Muso

Il muso della SF1000 estremizza il concetto del muso della SF90 del 2019, presentando un maggiore sbalzo per le strutture che sorreggono l’ala anteriore. Questo cambiamento migliora il carico aerodinamico.

La nuova struttura del muso ha rappresentato un rompicapo per progettisti e produzione compositi, ponendo una difficile sfida per il passaggio dei crash test di omologazione vettura che è però stata superata al primo tentativo.

 
Caratteristiche principali

Motore V6

Cilindrata 1600 cm3

Energia Batteria 4MJ

Potenza MGU-K 120kW

Telaio Ferrari SF1000

Telaio in materiale composito a nido d’ape in fibra di carbonio con protezione halo per l’abitacolo.

Cambio longitudinale Ferrari a 8 marce più retro.

Comando semiautomatico sequenziale a controllo elettronico con cambiata veloce.

Differenziale autobloccante a controllo idraulico.

Freni a disco auto ventilanti in carbonio Brembo (anteriore e posteriore) e sistema di controllo elettronico sui freni posteriori.

Peso con acqua, olio e pilota: 745 kg

Ruote OZ anteriori e posteriori 13”

Motore

CILINDRATA 1600 cc

GIRI MASSIMI 15000

SOVRALIMENTAZIONE Turbo singolo

PORTATA BENZINA 100 kg/hr max

QUANTITÀ BENZINA PER GARA 110 kg

CONFIGURAZIONE V6 90°

ALESAGGIO 80 mm

CORSA 53 mm

VALVOLE 4 per cilindro

INIEZIONE Diretta, max 500 bar

Sistema ers

Energia Batteria 4 MJ

Potenza MGU-K 120 kW

Giri Max MGU-K 50.000

Giri Max MGU-H 125.000

Fonte: motorbox.com ‒ Eventuali modifiche sono a opera della redazione di Compositi magazine.


Leggi anche

La casa automobilistica McLaren continua il suo storico impegno nella riduzione del peso dei veicoli. Come conferma la supercar 765LT, l’azienda punta infatti a ottimizzare efficienza e prestazioni dei suoi modelli ibridi che prevede di lanciare sul mercato nel 2025 grazie a un attento lavoro sui materiali, ricorrendo ai materiali compositi sia per le parti interne sia per quelle esterne della vettura…

Leggi tutto…

Una nuova tecnologia rivoluzionaria sviluppata dal National Composites Center (NCC) e dalla Oxford Brookes University consente ora di separare (o smantellare) le strutture in materiale composito in modo rapido ed economico utilizzando una semplice fonte di calore. Questa ricerca potrebbe trasformare la progettazione, l’uso e il riciclaggio a fine vita di un’ampia gamma di prodotti, tra cui automobili, aeromobili e turbine eoliche…

Leggi tutto…

JEC World is the global trade show dedicated to composite materials. Next year’s show, from March 9-11, 2021, in Paris, will be the industry’s most significant annual event, hosting all the major players in a spirit of innovation, business, and networking. With 1,400 expected exhibitors and more than 45,000 planned professional visits from 112 countries, JEC World has become a global festival, and the undisputed reference for the composites industry. …

Leggi tutto…

The Composites Institute e UK Research and Innovation’s (UKRI) Innovate UK hanno annunciato sette nuovi progetti di ricerca e innovazione che serviranno a sviluppare nuovi materiali compositi in grado di far avanzare la produzione di componenti in una serie di diversi settori industriali, come la produzione aerospaziale, automobilistica e di energia rinnovabile…

Leggi tutto…

Centri di lavoro best-in-class a 5 assi ed alta velocità per la lavorazione di materiali comositi, alluminio e metallo

CMS SpA produce centri di lavoro multiassi a controllo numerico, termoformatrici e sistemi di taglio a getto d’acqua che permettono all’azienda di servire molti settori industriali: aerospaziale, automotive, nautica, ferroviario e molto altro. CMS offre, insieme a qualità e precisioni, soluzioni innovative, capaci di coprire le diverse fasi del processo produttivo o le specifiche esigenze. …

Leggi tutto…