Spicca il volo Stratolaunch, il più grande aeroplano mai realizzato

È decollato per la prima volta dal Mojave Air and Space Port in California l’aereo di Stratolaunch Systems, un vicolo della società Paul G.Allen con un’apertura alare pari a 117, 3 metri e sei motori Boeing 747. Ha compiuto il suo primo volo sul deserto Mojave per due ore e mezza raggiungendo una velocità massima di 304 chilometri l’ora e un’attitudine di 17.000 piedi (5mila metri).

Stratolaunch Systems è una società creata dal cofondatore miliardario di Microsoft, Paul G. Allen, scomparso a ottobre dello scorso anno, che nel 2011 acquisisce i diritti dell’ingegnere Burt Rutan dalla società connazionale Scaled Composite. Il veicolo è costruito con materiali compositi e si caratterizza per una doppia carlinga, la quale può ospitare lanciatori di satelliti con un peso di 590 tonnellate, che possono essere sganciati a un’altezza tale da permettere l’autonomia dai razzi.

In questo modo i lanci nello spazio divengono meno dispendiosi e consentono che le operazioni di lancio avvengano indipendentemente dalle condizioni atmosferiche, che spesso impongono ritardi e costi maggiori.
Per decollare Stratolaunch necessita solo di una pista lunga che permetta le manovre di decollo, ma non esige rampe di lancio fisse.


Leggi anche

Un nuovo concetto per la ICC, nuove aree “Process Live”, un grande Forum dedicato alle Lightweight Technologies e “Foam Expo Europe”, questa edizione di COMPOSITES EUROPE 2019, che si terrà a Stoccarda dal 10 al 12 settembre, si presenta ricca di novità assolute. I visitatori incontreranno oltre 300 espositori provenienti, che presenteranno le più avanzate tecnologie dei materiali compositi. …

Leggi tutto…

Inaugurato il centro da 8.9 milioni di sterline che dovrà sviluppare materiali più leggeri ed efficienti per l’industria ad alto valore aggiunto, inclusa quella dell’automotive e aerospaziale….

Leggi tutto…

L’alluminio è uno dei materiali più promettenti per le applicazioni nel settore automobilistico e aerea. L’università russa National University of Science and Technology “MISIS” ha trovato un modo semplice ed efficace per rafforzare i materiali compositi a base di alluminio. …

Leggi tutto…

Il salone JEC WORLD 2019 si è concluso dopo tre intense giornate all’insegna dell’innovazione, del networking e della condivisione delle conoscenze. 1.300 espositori, 43.000 visitatori professionisti da 112 paesi partecipanti e 27 padiglioni nazionali: sono questi i numeri, come riportati dal meeting delle associazioni europee e globali di settore, di JEC World, il luogo in cui il mondo dei materiali compositi si incontra riunendo i protagonisti del settore e i loro rappresentanti. …

Leggi tutto…

Il mercato del composito, prima esclusivo del racing e delle supercar, è sempre più orientato alla definizione di strutture leggere che permettano minori consumi e miglior efficienza su veicoli di uso comune. Abbiamo intervistato Francesco Varrasi, CEO di Mind Composites, azienda Italiana attiva dal 2006 specializzata nell’industrializzazione di componenti in materiale composito….

Leggi tutto…