Strutture innovative in fibra di carbonio per i lanciatori Ariane 6

Airbus e ArianeGroup hanno firmato un contratto che riguarda il prossimo lotto di transizione delle grandi strutture in fibra di carbonio di Ariane 6. L’accordo include la produzione e la fornitura di strutture ultraleggere per i quattordici lanciatori della missione, che saranno prodotte entro il 2025.

 

Il contributo di Airbus

Nel proprio stabilimento di Getafe, vicino a Madrid, l’azienda realizzerà quattro strutture in fibra di carbonio per ogni lanciatore Ariane. Il nuovo impianto industriale 4.0 di ultima generazione includerà una linea di produzione e montaggio dedicata alle strutture di ciascun velivolo.

La firma di questo contratto è un passo avanti, non solo per Airbus, ma per l’intero programma Ariane 6 – ha commentato Luis Guerra, responsabile dello Space Systems di Airbus in Spagna. – Al tempo stesso dimostra che il contributo delle tecnologie spagnole è fondamentale per il futuro di Ariane 6 delle missioni spaziali europee“.

 

Tecnologie all’avanguardia

Alcune recenti innovazioni hanno permesso di ridurre la massa e ottenere strutture in un unico pezzo, più resistenti ed economiche. La struttura che verrà utilizzata come interfaccia (superiore e inferiore) sarà la più grande mai prodotta in Europa per il settore spaziale.

Più si avvicina il volo inaugurale di Ariane 6 e si intensifica la produzione delle strutture per i lanciatori – afferma Stephane Nogatchewsky, Direttore Acquisti di ArianeGroup – più ci rendiamo conto di come la collaborazione tra realtà europee specializzate sia fondamentale per garantire la competitività delle nostre missioni e il mantenimento dell’accesso autonomo allo spazio.

 


Leggi anche

L’Agenzia spaziale europea ha dato l’ok a Phoebus, un progetto volto a dimostrare che le fibre di carbonio possono essere utilizzate al posto delle parti metalliche nei serbatoi criogenici ad uso aerospaziale. Questa innovazione garantirà un risparmio di peso, una maggiore competitività, un aumento della capacità del carico utile e un uso più sostenibile delle risorse….

Leggi tutto…

Utilizzare nuovi metodi di stampa 3D per fabbricare, a costi contenuti, prodotti in materiali compositi ed ibridi da utilizzare nei settori farmaceutico, aeronautico e automobilistico. È questo l’obiettivo del progetto AMICO che nasce dalla collaborazione tra IMAST (Distretto tecnologico italiano per l’ingegneria dei materiali compositi), che ha fatto da capofila, ENEA, Leonardo, FCA Italy, MBDA, Dompé Farmaceutici, Cnr, CRF, CIRA, Politecnico di Torino, Università di Napoli Federico II, Università di Roma “La Sapienza”, Università di Trento e Aerosoft Spa…

Leggi tutto…

La corsa verso gli obiettivi europei di neutralità climatica e la scelta di una strategia inclusiva in materia di transizione ecologica e digitale, sono stati gli argomenti al centro dell’European SDG Summit, che si è svolto online, dal 10 al 12 ottobre scorsi, e ha visto la partecipazione di oltre cento relatori, in rappresentanza delle istituzioni europee, delle realtà industriali e della società civile. …

Leggi tutto…

Obiettivo del progetto, che unisce ricerca e industria, è quello di definire un nuovo standard di accessibilità per la produzione di parti composite strutturali stampate in 3D. Queste potranno quindi essere realizzate con la stessa facilità delle alternative metalliche, grazie agli innovativi strumenti di workflow Additive Fusion Technology. …

Leggi tutto…

È stato recentemente progettato e approvato un armadio di stoccaggio medico che verrà utilizzato da un operatore di soccorso aereo. Piloti e paramedici ritengono che il Medical Storage Cabinet sia molto utile per conservare in sicurezza l’attrezzatura nella cabina passeggeri….

Leggi tutto…