Trelleborg lancia un materiale composito ad alto carico per il carrello di atterraggio

Trelleborg Sealing Solutions lancia Orkot® C620, materiale composito specificamente sviluppato e progettato per soddisfare le esigenze dell’industria aerospaziale. In particolare risponde alla necessità di un materiale resistente e leggero per sopportare carichi elevati e sollecitazioni a cui sono soggetti i carrelli di atterraggio.

 

Per aeromobili più leggeri e sostenibili

Con una domanda sempre maggiore di nuovi materiali che rendano gli aeromobili più leggeri e a basso consumo di carburante, e quindi più sostenibili, Trelleborg Sealing Solutions, ha sviluppato un materiale unico per carichi elevati che rappresenta un’alternativa ai cuscinetti in metallo. I componenti più piccoli e leggeri riducono il peso massimo al decollo e prolungano le ore di volo prima della manutenzione.

 

Torben Andersen, Direttore del segmento aerospaziale di Trelleborg Sealing Solutions, dichiara

L’industria aerospaziale è in continua evoluzione. Esiste una tendenza a lungo termine verso l’adozione di nuovi materiali e soluzioni sostenibili che riducono il peso senza compromettere le prestazioni o la durata. Sebbene Orkot® C620 sia adatto per una serie di diversi componenti all’interno dell’aeromobile, è stato progettato specificamente per i requisiti del carrello di atterraggio“.

 
Shanul Haque, Product and Innovations Manager di Trelleborg Sealing Solutions, afferma

L’elevato carico e la leggerezza del materiale composito indicano che i componenti metallici standard all’interno del carrello di atterraggio possono essere sostituiti per ridurre il peso, consentendo ai produttori di creare velivoli più leggeri e a basso consumo di carburante. I componenti possono essere più piccoli per risparmiare spazio e consentono anche di ridurre le dimensioni delle parti circostanti con carichi ridotti, riducendo ulteriormente il peso dell’aeromobile.

Orkot® C620 offre un basso coefficiente di attrito per ridurre l’usura e resiste a carichi elevati riducendo al minimo lo stick-slip. Lo stick-slip ridotto con un basso attrito dinamico e statico, consente movimenti ad alto carico di essere più sicuri e fornisce un funzionamento regolare del carrello di atterraggio sia in decollo che in atterraggio.”

 

Orkot® C620 è un materiale ibrido che presenta un robusto supporto in fibra di vetro, abbinato a un rivestimento TX Orkot® a basso attrito per fornire una durata ottimale e di lunga durata senza delaminazione. Le proprietà dei diversi strati aumentano la capacità di carico e la resistenza, riducendo l’attrito e l’usura per massimizzare l’efficienza e la durata.

Per applicazioni molto impegnative, Orkot® C620 ha un’elevata resistenza all’urto di 200 Kilojoule per metro quadrato, che lo rende sia resiliente sia adattabile consentendo ai produttori di progettare componenti più grandi e più resistenti. Orkot® C620 ha una resistenza alla flessione di 320 Megapascal, che gli conferisce versatilità e durata. Inoltre, rimane abbastanza flessibile ed elastico da tornare alla sua forma originale per fornire uno smorzamento delle vibrazioni.

 


Leggi anche

The global composites community reunited at JEC World from May 3rd to 5th for 3 busy rewarding days of innovation, networking and knowledge sharing. The industry was excited to reconnect and the show exceeded all expectations in terms of product launches, content and business activity. The event welcomed 32,000+ professional visits, in Paris and online, from 115 countries and featured 1,201 exhibitors and 26 pavilions….

Leggi tutto…

CMS Advanced Materials, brand di CMS SpA società di SCM Group, annuncia la nuova partnership con United Aerospace, che porterà all’installazione del primo CMS Kreator: la macchina ibrida di CMS che combina la tecnologia di additive manufacturing per grandi formati alla fresatura e che sarà la prima installata nel Regno Unito….

Leggi tutto…

Leonardo e Vertical Aerospace: accordo per la fornitura delle fusoliere in materiale composito per il nuovo velivolo elettrico VX4. Saranno prodotte negli stabilimenti di Leonardo a Grottaglie, in Puglia, una delle strutture più avanzate in Europa per la produzione di aerostrutture in composito…

Leggi tutto…

The letter of intent signed by the two companies – Solvay and Trillium Renewable Chemicals – will enable the supply chain for bio-based acrylonitrile (bio-ACN). The goal of this partnership is to produce carbon fiber for use in various applications such as aerospace, automotive, energy and consumer goods….

Leggi tutto…

Appuntamento con la X edizione del Convegno/Exhibition che dal 28 al 29 settembre 2022 ospiterà nella cornice del Museo Alfa Romeo la supply chain dell’Additive Manufacturing….

Leggi tutto…