Trelleborg lancia un materiale composito ad alto carico per il carrello di atterraggio

Trelleborg Sealing Solutions lancia Orkot® C620, materiale composito specificamente sviluppato e progettato per soddisfare le esigenze dell’industria aerospaziale. In particolare risponde alla necessità di un materiale resistente e leggero per sopportare carichi elevati e sollecitazioni a cui sono soggetti i carrelli di atterraggio.

 

Per aeromobili più leggeri e sostenibili

Con una domanda sempre maggiore di nuovi materiali che rendano gli aeromobili più leggeri e a basso consumo di carburante, e quindi più sostenibili, Trelleborg Sealing Solutions, ha sviluppato un materiale unico per carichi elevati che rappresenta un’alternativa ai cuscinetti in metallo. I componenti più piccoli e leggeri riducono il peso massimo al decollo e prolungano le ore di volo prima della manutenzione.

 

Torben Andersen, Direttore del segmento aerospaziale di Trelleborg Sealing Solutions, dichiara

L’industria aerospaziale è in continua evoluzione. Esiste una tendenza a lungo termine verso l’adozione di nuovi materiali e soluzioni sostenibili che riducono il peso senza compromettere le prestazioni o la durata. Sebbene Orkot® C620 sia adatto per una serie di diversi componenti all’interno dell’aeromobile, è stato progettato specificamente per i requisiti del carrello di atterraggio“.

 
Shanul Haque, Product and Innovations Manager di Trelleborg Sealing Solutions, afferma

L’elevato carico e la leggerezza del materiale composito indicano che i componenti metallici standard all’interno del carrello di atterraggio possono essere sostituiti per ridurre il peso, consentendo ai produttori di creare velivoli più leggeri e a basso consumo di carburante. I componenti possono essere più piccoli per risparmiare spazio e consentono anche di ridurre le dimensioni delle parti circostanti con carichi ridotti, riducendo ulteriormente il peso dell’aeromobile.

Orkot® C620 offre un basso coefficiente di attrito per ridurre l’usura e resiste a carichi elevati riducendo al minimo lo stick-slip. Lo stick-slip ridotto con un basso attrito dinamico e statico, consente movimenti ad alto carico di essere più sicuri e fornisce un funzionamento regolare del carrello di atterraggio sia in decollo che in atterraggio.”

 

Orkot® C620 è un materiale ibrido che presenta un robusto supporto in fibra di vetro, abbinato a un rivestimento TX Orkot® a basso attrito per fornire una durata ottimale e di lunga durata senza delaminazione. Le proprietà dei diversi strati aumentano la capacità di carico e la resistenza, riducendo l’attrito e l’usura per massimizzare l’efficienza e la durata.

Per applicazioni molto impegnative, Orkot® C620 ha un’elevata resistenza all’urto di 200 Kilojoule per metro quadrato, che lo rende sia resiliente sia adattabile consentendo ai produttori di progettare componenti più grandi e più resistenti. Orkot® C620 ha una resistenza alla flessione di 320 Megapascal, che gli conferisce versatilità e durata. Inoltre, rimane abbastanza flessibile ed elastico da tornare alla sua forma originale per fornire uno smorzamento delle vibrazioni.

 


Leggi anche

La corsa verso gli obiettivi europei di neutralità climatica e la scelta di una strategia inclusiva in materia di transizione ecologica e digitale, sono stati gli argomenti al centro dell’European SDG Summit, che si è svolto online, dal 10 al 12 ottobre scorsi, e ha visto la partecipazione di oltre cento relatori, in rappresentanza delle istituzioni europee, delle realtà industriali e della società civile. …

Leggi tutto…

Obiettivo del progetto, che unisce ricerca e industria, è quello di definire un nuovo standard di accessibilità per la produzione di parti composite strutturali stampate in 3D. Queste potranno quindi essere realizzate con la stessa facilità delle alternative metalliche, grazie agli innovativi strumenti di workflow Additive Fusion Technology. …

Leggi tutto…

È stato recentemente progettato e approvato un armadio di stoccaggio medico che verrà utilizzato da un operatore di soccorso aereo. Piloti e paramedici ritengono che il Medical Storage Cabinet sia molto utile per conservare in sicurezza l’attrezzatura nella cabina passeggeri….

Leggi tutto…

Un team di ricercatori dell’Università del Texas ad Arlington (UTA), guidati da Paul Davidson, assistente professore del Dipartimento di ingegneria meccanica e aerospaziale (MAE), sta mettendo a punto uno strumento predittivo che utilizzerà l’apprendimento automatico e strumenti computazionali, per determinare la vita, la durata e la sicurezza dei compositi utilizzati nella produzione di aeromobili….

Leggi tutto…

Il software Industry 4.0 è una soluzione di ottimizzazione, basata su AI e Industrial Internet of Things (IIoT), che automatizza e semplifica il tracciamento, la gestione e la pianificazione delle materie prime. Permette di massimizzare l’utilizzo del materiale fino al 3%, con una conseguente e significativa diminuzione degli sprechi e dei ritardi di produzione….

Leggi tutto…