Uno strumento predittivo per scongiurare il rischio di guasto dei compositi in ambito aerospaziale

Il progetto, che avrà luogo nel laboratorio di UTA per materiali avanzati, produzione e analisi, fa parte di un programma finanziato dal US Air Force Research Laboratory (AFRL, Wright-Patterson Air Force Base, Ohio, USA) e ha l’obiettivo di rendere gli aerei più leggeri e durevoli, garantendo al tempo stesso la sicurezza del volo.

 
Prevenire è meglio che curare

Utilizzare diversi strati di compositi laminati per costruire velivoli più leggeri e resistenti è una scelta che sta diventando sempre più comune nel settore. Il Boeing 787, ad esempio, è composto per circa il 50% da materiali compositi. Quando si usano questi materiali, tuttavia, bisogna fare i conti con il rischio di delaminazione, che può essere causata dalle condizioni operative o da eventuali impatti.

La delaminazione è per molti versi simile ad una scheggiatura nel parabrezza di un’auto. – afferma Paul DavidsonCon il tempo la crepa si allarga e rende il veicolo pericoloso. Noi stiamo lavorando per dire al conducente quanto tempo prima bisogna provvedere alla riparazione”.

 

Parola d’ordine: sicurezza

Le squadre sul campo, utilizzando apparecchiature a ultrasuoni, sono in grado di stimare i danni agli aerei. Lo strumento predittivo sviluppato da Davidson è concepito per utilizzare quei dati per test computazionali che determinino il rischio di guasto e la vita operativa della struttura composita. Il progetto, che avrà applicazioni sia nel settore militare che in quello commerciale, mira anche a prevedere:

  • le riparazioni che dovranno essere effettuate
  • la durata delle stesse
  • la possibilità che successivamente l’aeromobile torni ad essere operativo.

Il progetto di Davidson è essenziale per la sicurezza del volo – afferma Erian Armanios, presidente del MAE – dal momento che riduce la perdita di velivoli e di vite umane. Inoltre, porta UT Arlington in prima linea nei test compositi computazionali, che continueranno a crescere nei prossimi anni”.

 

 


Leggi anche

Dettagli concettuali, come l’incorporazione di materiali compositi; un design biomimetico e un focus sulla sicurezza caratterizzano il nuovo concept dell’abitacolo a cinque posti del veicolo elettrico a decollo e atterraggio verticale (eVTOL) di Supernal. Il team di ingegneri e progettisti ha utilizzato l’approccio riduttivo dell’industria automobilistica per creare una cabina leggera, in fibra di carbonio sagomata. …

Leggi tutto…

Un recente progetto ha visto la realizzazione e l’approvazione di una sovrapposizione del pannello strumenti in un elicottero Airbus H125. L’intero procedimento doveva far sì che l’abitacolo venisse modernizzato, come richiesto dal cliente, ma senza dover aspettare i tempi e sostenere i costi necessari per rifare completamente il pannello….

Leggi tutto…

Il progetto, finanziato da un contratto Australian Government Defence Innovation Hub, ha visto la progettazione di una ruota in fibra di carbonio con una capacità di carico di 9.000 kg e un peso del 35% inferiore rispetto a quelle attualmente utilizzate sul velivolo. La ruota concettuale garantisce, inoltre, una maggiore durata e rappresenta un punto di partenza per altre applicazioni aerospaziali e militari con sollevamento verticale….

Leggi tutto…

Partita a luglio la collaborazione tra la compagnia statunitense e i leader mondiali nipponici nella produzione di fibre avanzate e materiali prepeg. Il prototipo, ideato per la mobilità aerea urbana negli USA al via nel 2023, sarà realizzato con il composito in carbonio e resina oggi con maggiore resistenza alla trazione. Avrà una bassa rumorosità e sarà a emissioni zero….

Leggi tutto…

Strutture dei velivoli in miscele di plastica, grafite e ceramica al posto dei metalli per rendere la prossima generazione di aerei da trasporto leggera, aerodinamica, a minor consumo di carburante. Coinvolti nel progetto HiCAM centri di ricerca, gruppi dell’industria ed enti del governo. L’obbiettivo è ridurre i tempi di produzione dei compositi polimerici, diffondendone l’uso….

Leggi tutto…