Vitrimeri: i nuovi compositi che si riparano con il calore

Un team di ricercatori, guidato da UW Aniruddh Vashisth, assistente professore di ingegneria meccanica dell’Università di Washington, e Nikhil Koratkar, professore di ingegneria meccanica, aerospaziale e nucleare del Politecnico di Rensselaer, ha pubblicato un articolo sulla rivista Carbon, nel quale descrive un nuovo tipo di materiale rinforzato con fibra di carbonio, che, utilizzando fonti di calore tradizionali o riscaldamento a radiofrequenza, può essere sia riparato ripetutamente sia scomposto e riciclato quando raggiunge la fine del suo ciclo di vita.

 

Caratteristiche tecniche

Il materiale fa parte di un gruppo di compositi conosciuti come vitrimeri rinforzati con fibra di carbonio (vCFRP). I CFRP tradizionali rientrano in due categorie: termoindurenti o termoplastici. I primi contengono una resina epossidica, simile alla colla, nella quale i legami chimici si induriscono in modo permanente. Le versioni “plastiche” invece sono realizzate con una colla più morbida, che può essere fusa e rilavorata, ma hanno performance inferiori in termini di resistenza. I vitrimeri costituiscono una via di mezzo, sono resistenti, ma possono essere attaccati e staccati più volte.

Immaginate che ciascun materiale sia una stanza piena di persone – spiega Vashisth – Nella stanza termoindurente le persone si tengono per mano e non si lasciano andare. Nella stanza termoplastica le persone si stringono la mano e si muovono tutt’intorno. Nella stanza dei vitrimeri le persone stringono la mano al vicino, ma hanno la capacità di scambiarsi strette di mano con nuovi vicini, in modo che il numero di interconnessioni rimanga lo stesso

 

Ambiti di utilizzo

Il team di ricerca – che comprende anche Mithil Kamble e Catalin Picu, dell’RPI, nonché Hongkun Yang e Dong Wang, dell’Università di tecnologia chimica di Pechino – ritiene che i vitrimeri siano una valida alternativa ai termoindurenti per molti prodotti attualmente fabbricati. Una soluzione che potrebbe rivelarsi necessaria in futuro, dal momento che questi ultimi hanno iniziato ad accumularsi nelle discariche.

I vCFRP rigenerabili rappresenterebbero, quindi, un passo importante nella transizione verso l’utilizzo di materiali dinamici e più vantaggiosi in termini di:

  • costo durante l’intera vita utile
  • affidabilità
  • manutenzione.

Questi materiali – sostiene Koratkar – possono trasformare il ciclo di vita lineare della plastica in uno circolare, il che sarebbe un grande passo per la sostenibilità

 


Leggi anche

La Pittsburgh Water and Sewer Authority sta ristrutturando i tubi di distribuzione chiave nel sistema idrico della città con un polimero rinforzato con fibra di carbonio (PWSA). Il progetto, chiamato Rising Main 4, fa parte del Water Reliability Plan (WRP) dell’utility…

Leggi tutto…

Si chiama Convergence il nuovo cerchio in fibra di carbonio che si presenta come se fosse stato contorto, con un profilo leggermente angolato intorno a ciascun foro del raggio. Questo tipo di struttura è in grado di ridurre la fatica sui nipples e aumentarne la durata…

Leggi tutto…

I ricercatori dell’ingegneria North Carolina State University hanno sviluppato un materiale composito autorigenerante che consente alle strutture di aggiustarsi da sole in posizione, senza dover essere rimosse dal servizio. Questa tecnologia potrebbe essere in grado di prolungare notevolmente la vita media di alcuni componenti strutturali, tra cui le pale delle turbine eoliche e le ali degli aerei….

Leggi tutto…

L’Agenzia spaziale europea ha dato l’ok a Phoebus, un progetto volto a dimostrare che le fibre di carbonio possono essere utilizzate al posto delle parti metalliche nei serbatoi criogenici ad uso aerospaziale. Questa innovazione garantirà un risparmio di peso, una maggiore competitività, un aumento della capacità del carico utile e un uso più sostenibile delle risorse….

Leggi tutto…

Un team di ricerca e sviluppo (R&D) in Repubblica Ceca ha sviluppato un nuovo albero e un braccio telescopico per gru composite in carbonio, facendo ricorso ad un processo di produzione automatizzata che utilizza il posizionamento robotizzato dei filamenti per la creazione di strutture in fibra di carbonio continua ad alta resistenza. Il nuovo concetto di gru composita costituisce un’alternativa più leggera ed economica ai modelli telescopici idraulici mobili già esistenti e alle gru marine in acciaio. …

Leggi tutto…