Il casco in grafene 100% italiano


Graphite Helmet è nato dal lavoro, durato 18 mesi, di 5 ricercatori IIT e 4 industrial design di Momodesign. Durante i primi 8, i tecnici si sono concentrati sulla ricerca della miscela di grafene più idonea a migliorare le proprietà meccaniche e termiche del casco.
Il grafene, grazie alle sue proprietà, distribuisce la forza d’urto meglio di qualsiasi altro materiale. Questo ha permesso di produrre un casco più resistente all’impatto, migliorandone la sicurezza. È un ottimo conduttore elettrico e termico che garantisce resistenza all’impatto anche in condizioni estreme di riscaldamento ambientale.
A questa prima fase è seguito un lungo lavoro, volto a integrare il grafene nella struttura del casco nel rispetto del ciclo di produzione industriale. Tale procedimento è oggetto del brevetto “graphene shelter” che permette di creare le caratteristiche strutturali, meccaniche e termiche del casco. Nei 18 mesi di lavoro sono state eseguite centinaia di prove di laboratorio e test di certificazione. Il casco sarà in commercio a partire dal 2017 con una edizione limitata di 3.000 pezzi.
“Dopo questo primo traguardo, gli obiettivi futuri sono di evolvere nello sviluppo di altri caschi in grafene e diffondere questa tecnologia su tutta la gamma di prodotto, creando nel tempo una nuova linea high-tech nella quale convogliare il meglio della ricerca“, afferma il presidente di Momodesign Marco Cattaneo.
L’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) è un centro di ricerca pubblica che conta uno staff complessivo di 1.440 persone. “Grazie al know-how dei Graphene Labs dell’Istituto Italiano di Tecnologia e al supporto del progetto flagship della comunità europea – che, con un finanziamento di un miliardo di euro in 10 anni, ha l’obiettivo di creare una rivoluzione di mercato basata sul grafene – siamo riusciti con Momodesign a sviluppare in pochi mesi una tecnologia innovativa per i caschi da moto. La tecnologia è basata su due brevetti IIT e porta per la prima volta in Italia, e tra i primi al mondo, un prodotto altamente performante che contiene robustissimi e leggerissimi fogli di grafene dallo spessore di un singolo atomo.” – spiega Vittorio Pellegrini, Direttore Graphene Labs IIT e Presidente Comitato Esecutivo Flagship Europea Grafene.

Dida foto: Graphene Helmet by IIT and Momodesign 1. Credit: Momo Design – IIT


Leggi anche

Ilium Composites, produttore globale di rinforzi compositi strutturali in fibra di vetro, ha sviluppato un prodotto innovativo per garantire una migliore finitura estetica. Si tratta di Amplify surface veil che trova applicazione soprattutto nel settore marittimo e automobilistico. Preferito rispetto alle alternative in metallo, non ha rivali in termini di rapporto qualità/prezzo e di resistenza chimica…

Leggi tutto…

Elettronica integrata nei rivestimenti interni delle automobili grazie all’impiego di tessuti hi-tech realizzati con scarti di fibra di carbonio. È uno degli obiettivi del progetto di ricerca industriale TEX-STYLE che vede la partecipazione, tra gli altri, di ENEA e del Centro Ricerche Fiat (CRF) come coordinatore. Alla base un mix tra fibra di carbonio e poliestere per la creazione di un tessuto intelligente e soprattutto a basso impatto ambientale….

Leggi tutto…

L’Absolute Scanner AS1 è costruito su un’architettura hardware modulare innovativa che gli permette di funzionare come sensore 3D sia per un laser tracker che per un braccio di misura portatile, entrambi i quali possono agire come sistema di riferimento per i dati di scansione che l’AS1 acquisisce….

Leggi tutto…

Il centro spagnolo di tecnologia delle materie plastiche Aimplas partecipa a un progetto per lo sviluppo di nuovi compositi termoplastici a fibra lunga con proprietà eco-compatibili che riducono il peso delle batterie dei veicoli elettrici del 50-70%….

Leggi tutto…

Per la nuova stagione 2022 gli ingegneri del Dynamis PRC hanno adottato un nuovo processo produttivo per la realizzazione delle appendici aerodinamiche che prende ispirazione dal mondo Formula 1….

Leggi tutto…