La nuova soluzione resine e gelcoats a basso contenuto di stirene (LSC)


A livello Europeo i limiti per l’utilizzo in sicurezza dello stirene (DNEL, Derived No Effect Level – Tramite inalazione, effetti sistemici) sono stati fissati a 20ppm (per esposizioni a lungo termine, oltre 8 ore) e a 68ppm (per brevi esposizioni). In aggiunta ogni Stato Membro ha definito dei propri limiti di esposizione occupazionale (OEL) che devono essere rispettati dagli utilizzatori durante l’applicazione di resine e/o gelcoats contenenti stirene. Attualmente ci sono ancora delle grandi differenze tra i valori di OEL nelle varie Nazioni (tra 10 e 100ppm) ma in generale la tendenza è di diminuirne il valore per rispettare il DNEL Europeo che garantisce l’utilizzo in sicurezza di prodotti chimici contenenti stirene.

In Italia il valore di OEL per lo stirene è 20ppm e la Francia nel 2017 potrebbe applicare la proposta dell’agenzia della sanità ANSES di ridurre i valori di OEL (per applicazioni oltre le 8 ore) da 50 a 23ppm. Da questi valori nasce l’esigenza di sviluppare soluzioni innovative che ha portato a creare nuove formulazioni di resine e gelcoats. La sfida è quindi quella di mantenere bassi valori di esposizione allo stirene nell’ambiente di lavoro per rispettare i valori limite imposti dalla Normativa Europea e dalle legislazioni nazionali. L’esigenza è particolarmente sentita in settori quali la nautica o il trasporto dove sono prodotti manufatti di elevata estensione superficiale per i quali è più difficoltoso raggiungere i ridotti livelli di esposizione allo stirene.

Nel Dicembre 2014 Polynt Group ha acquisito CCP Composites creando Polynt Composites. Questa strategica acquisizione ha portato a nuova innovazione e Polynt Composites è riuscita attraverso l’impegno della Ricerca e Sviluppo ad incrementare la gamma prodotti e sviluppare nuove resine e gelcoats a basso contenuto di stirene (LSC). Con questi nuovi prodotti è possibile raggiungere l’alto livello tecnico richiesto da settori quali la nautica ed il trasporto e quindi soddisfare la crescente domanda del mercato di resine poliestere insature e gelcoats LSC, permettendo ai clienti di limitare l’esposizione del personale nell’ambiente lavorativo.

Prove di emissione condotte nei laboratori di Polynt Composites con le nuove resine e gelcoats a basso contenuto di stirene hanno dimostrato che, rispetto alle formulazioni convenzionali, è possibile ridurre l’emissione di stirene per le resine e per i gelcoats rispettivamente fino al 60% e al 30%.

Le resine ed i gelcoats LSC di Polynt Composites sono stati testati, approvati e sono attualmente prodotti in scala industriale; essi sono pronti all’utilizzo per tutti i processi di trasformazione esistenti e quindi il loro impiego non comporta un cambiamento o un adattamento dell’impianto solitamente utilizzato. Le formulazioni hanno una ridotta percentuale di stirene con conseguente diminuzione nell’ambiente di lavoro dell’emissione, dell’odore e dell’esposizione allo stirene. Le resine ed i gelcoats LSC di Polynt Composites sono un importante contributo per rispettare i limiti legislativi in termini di esposizione allo stirene mantenendo le stesse prestazioni tecniche e proprietà meccaniche offerte dalle resine tradizionali.

Per maggiori informazioni contattare Polynt Composites presente nella propria regione cliccando qui.


Leggi anche

Dettagli concettuali, come l’incorporazione di materiali compositi; un design biomimetico e un focus sulla sicurezza caratterizzano il nuovo concept dell’abitacolo a cinque posti del veicolo elettrico a decollo e atterraggio verticale (eVTOL) di Supernal. Il team di ingegneri e progettisti ha utilizzato l’approccio riduttivo dell’industria automobilistica per creare una cabina leggera, in fibra di carbonio sagomata. …

Leggi tutto…

Un recente progetto ha visto la realizzazione e l’approvazione di una sovrapposizione del pannello strumenti in un elicottero Airbus H125. L’intero procedimento doveva far sì che l’abitacolo venisse modernizzato, come richiesto dal cliente, ma senza dover aspettare i tempi e sostenere i costi necessari per rifare completamente il pannello….

Leggi tutto…

Il progetto, finanziato da un contratto Australian Government Defence Innovation Hub, ha visto la progettazione di una ruota in fibra di carbonio con una capacità di carico di 9.000 kg e un peso del 35% inferiore rispetto a quelle attualmente utilizzate sul velivolo. La ruota concettuale garantisce, inoltre, una maggiore durata e rappresenta un punto di partenza per altre applicazioni aerospaziali e militari con sollevamento verticale….

Leggi tutto…

Partita a luglio la collaborazione tra la compagnia statunitense e i leader mondiali nipponici nella produzione di fibre avanzate e materiali prepeg. Il prototipo, ideato per la mobilità aerea urbana negli USA al via nel 2023, sarà realizzato con il composito in carbonio e resina oggi con maggiore resistenza alla trazione. Avrà una bassa rumorosità e sarà a emissioni zero….

Leggi tutto…

Strutture dei velivoli in miscele di plastica, grafite e ceramica al posto dei metalli per rendere la prossima generazione di aerei da trasporto leggera, aerodinamica, a minor consumo di carburante. Coinvolti nel progetto HiCAM centri di ricerca, gruppi dell’industria ed enti del governo. L’obbiettivo è ridurre i tempi di produzione dei compositi polimerici, diffondendone l’uso….

Leggi tutto…