La nuova soluzione resine e gelcoats a basso contenuto di stirene (LSC)


A livello Europeo i limiti per l’utilizzo in sicurezza dello stirene (DNEL, Derived No Effect Level – Tramite inalazione, effetti sistemici) sono stati fissati a 20ppm (per esposizioni a lungo termine, oltre 8 ore) e a 68ppm (per brevi esposizioni). In aggiunta ogni Stato Membro ha definito dei propri limiti di esposizione occupazionale (OEL) che devono essere rispettati dagli utilizzatori durante l’applicazione di resine e/o gelcoats contenenti stirene. Attualmente ci sono ancora delle grandi differenze tra i valori di OEL nelle varie Nazioni (tra 10 e 100ppm) ma in generale la tendenza è di diminuirne il valore per rispettare il DNEL Europeo che garantisce l’utilizzo in sicurezza di prodotti chimici contenenti stirene.

In Italia il valore di OEL per lo stirene è 20ppm e la Francia nel 2017 potrebbe applicare la proposta dell’agenzia della sanità ANSES di ridurre i valori di OEL (per applicazioni oltre le 8 ore) da 50 a 23ppm. Da questi valori nasce l’esigenza di sviluppare soluzioni innovative che ha portato a creare nuove formulazioni di resine e gelcoats. La sfida è quindi quella di mantenere bassi valori di esposizione allo stirene nell’ambiente di lavoro per rispettare i valori limite imposti dalla Normativa Europea e dalle legislazioni nazionali. L’esigenza è particolarmente sentita in settori quali la nautica o il trasporto dove sono prodotti manufatti di elevata estensione superficiale per i quali è più difficoltoso raggiungere i ridotti livelli di esposizione allo stirene.

Nel Dicembre 2014 Polynt Group ha acquisito CCP Composites creando Polynt Composites. Questa strategica acquisizione ha portato a nuova innovazione e Polynt Composites è riuscita attraverso l’impegno della Ricerca e Sviluppo ad incrementare la gamma prodotti e sviluppare nuove resine e gelcoats a basso contenuto di stirene (LSC). Con questi nuovi prodotti è possibile raggiungere l’alto livello tecnico richiesto da settori quali la nautica ed il trasporto e quindi soddisfare la crescente domanda del mercato di resine poliestere insature e gelcoats LSC, permettendo ai clienti di limitare l’esposizione del personale nell’ambiente lavorativo.

Prove di emissione condotte nei laboratori di Polynt Composites con le nuove resine e gelcoats a basso contenuto di stirene hanno dimostrato che, rispetto alle formulazioni convenzionali, è possibile ridurre l’emissione di stirene per le resine e per i gelcoats rispettivamente fino al 60% e al 30%.

Le resine ed i gelcoats LSC di Polynt Composites sono stati testati, approvati e sono attualmente prodotti in scala industriale; essi sono pronti all’utilizzo per tutti i processi di trasformazione esistenti e quindi il loro impiego non comporta un cambiamento o un adattamento dell’impianto solitamente utilizzato. Le formulazioni hanno una ridotta percentuale di stirene con conseguente diminuzione nell’ambiente di lavoro dell’emissione, dell’odore e dell’esposizione allo stirene. Le resine ed i gelcoats LSC di Polynt Composites sono un importante contributo per rispettare i limiti legislativi in termini di esposizione allo stirene mantenendo le stesse prestazioni tecniche e proprietà meccaniche offerte dalle resine tradizionali.

Per maggiori informazioni contattare Polynt Composites presente nella propria regione cliccando qui.


Leggi anche

Translating the needs and desires of customers in projects and products with the highest profile has been the drive of FKgroup since the start of its operations in 1961. The company, based in Dalmine (Bergamo, Italy) has become internationally known for the analysis, planning and automation for the cutting of fashion, home textile, automotive and composites fabrics, among others….

Leggi tutto…

La ricerca sui materiali avanzati presso l’Università di Manchester ha dimostrato per la prima volta un quadro completo dell’evoluzione dei danni nei compositi tessili intrecciati. Ciò potrebbe aprire la strada a nuove possibilità di progettazione e implementazione per gli ingegneri aerospaziali di prossima generazione…

Leggi tutto…

Un gruppo di ricercatori del MIT ha sviluppato una tecnica per produrre materiali compositi destinati al settore aerospaziale senza necessità di ricorrere a forni o autoclavi di grandi dimensioni. La ricerca, pubblicata sulla rivista «Advanced Materials Interfaces», potrebbe aiutare a rendere più veloce la produzione di aeroplani e altre strutture in composito di grandi dimensioni e prestazioni elevate…

Leggi tutto…

Un gruppo di ricercatori dell’Università del Surrey ha sviluppato una robusta nano-barriera multi-strato per polimeri rinforzati in fibra di carbonio ultraleggeri e stabili (CFRP) che potrebbero essere impiegati per costruire strutture di strumenti ad alta precisione per future missioni spaziali…

Leggi tutto…

Strutture composite in fibra di carbonio garantiranno la stabilità operativa delle apparecchiature del telescopio a raggi X a specchio ART-XC sull’osservatorio spaziale astrofisico russo Spektr-RG contro le temperature estreme…

Leggi tutto…