Nato per l’inverno


Temperature basse, ghiaccio, umido o grandi quantità di sale lungo le strade sono problemi che alcuni di noi devono prendere in grande considerazione se desiderano pedalare durante i mesi freddi. La prima cosa da fare è montare sulla propria bici un treno di pneumatici adatti, esattamente come si fa con le auto, ed in commercio ora ne esistono di ogni tipo. I Vittoria Rubino Pro Endurance G+ possiedono un battistrada molto robusto per sostenere grandi chilometraggi, sempre con grande aderenza grazie alla mescola 3C (tre mescole, tra cui quella G+Isotech®).
Il processo di stratificazione con cui si dispongono le tre mescole fa in modo che le caratteristiche diverse coesistano alla perfezione per migliorare il prodotto in tutte le possibili circostanze. Il Grafene G+ migliora sensibilmente tutte le qualità del pneumatico rendendolo praticamente intelligente. Più elasticità, più leggerezza e più robustezza, questi sono solo alcuni dei vantaggi che si ritrovano nell’utilizzo del Grafene e questo vale per ogni pneumatico in cui è aggiunto.
La carcassa è in Nylon da 26-220TPI mentre la protezione dalle forature è assicurata sia sui fianchi che al centro dalla tecnologia PRB 2.0. La garanzia di non forare non è totale, ma in questo caso ci avviciniamo quasi alla perfezione.
La scolpitura è studiata per agevolare un’impronta ottimale a terra, sia sul rettilineo che in curva, soprattutto in presenza di pioggia. Se la temperatura scende sotto gli zero gradi, il grafene viene in aiuto con i suoi vantaggi. Vittoria Rubino Pro Endurance G+ è un prodotto eccellente se siete alla ricerca di un tubolare all-round dalle prestazioni senza eguali nel 90% delle condizioni. Sia nel test sulla resistenza al rotolamento che sulla resistenza alle forature, si attesta su livelli molto vicini ai migliori copertoncini.


Leggi anche

Koenigsegg ha prodotto la prima auto al mondo in puro carbonio, non trattato. Quello che il costruttore chiama Koenigsegg Carbon Naked (KCN). Ad indossarlo è una Regera, la cui carrozzeria in fibra di carbonio non è stata trattata con nessun altro elemento. Nessuno smalto, nessuna vernice o rivestimento lasciando scoperta la superficie di carbonio grezzo…

Leggi tutto…

Williams Advanced Engineering (WAE) e il suo Team, a stagione conclusa, impiegano le proprie competenze per sviluppare nuove tecnologie sfruttando l’esperienza consolidata nella lavorazione dei materiali compositi. In particolare, WAE ha progettato e realizzato “Bodypod”, una struttura in fibra di carbonio adatta per i trasporti d’emergenza infantile…

Leggi tutto…

Stampato a pezzi, viene poi finito e assemblato a mano: questa tecnologia permette di realizzare forme impensabili prima d’ora. I processi di stampa in 3d garantiscono, alla ruota, principale componente della mobilità, inedite possibilità di sviluppo per gli anni a venire. Ne è un esempio il futuristico cerchio messo a punto da HRE, specialista californiano del settore…

Leggi tutto…

La Carbon Series è la Ford con più carbonio a vista mai prodotta: la trama del materiale composito è visibile in diverse parti dell’auto, comprese le nuove strisce che attraversano la parte superiore della carrozzeria per tutta la sua lunghezza. Il nuovo allestimento combina materiali ultraleggeri con nuove componenti per ridurre il peso della vettura di 18 kg….

Leggi tutto…

Riduce da ore a minuti i tempi di preparazione degli attrezzi nello stampaggio di materiali compositi nell’industria aerospaziale e risulta particolarmente efficace per componenti in prepreg epossidico di fibra di carbonio realizzati sottovuoto e con stampaggio in autoclave….

Leggi tutto…