Nato per l’inverno


Temperature basse, ghiaccio, umido o grandi quantità di sale lungo le strade sono problemi che alcuni di noi devono prendere in grande considerazione se desiderano pedalare durante i mesi freddi. La prima cosa da fare è montare sulla propria bici un treno di pneumatici adatti, esattamente come si fa con le auto, ed in commercio ora ne esistono di ogni tipo. I Vittoria Rubino Pro Endurance G+ possiedono un battistrada molto robusto per sostenere grandi chilometraggi, sempre con grande aderenza grazie alla mescola 3C (tre mescole, tra cui quella G+Isotech®).
Il processo di stratificazione con cui si dispongono le tre mescole fa in modo che le caratteristiche diverse coesistano alla perfezione per migliorare il prodotto in tutte le possibili circostanze. Il Grafene G+ migliora sensibilmente tutte le qualità del pneumatico rendendolo praticamente intelligente. Più elasticità, più leggerezza e più robustezza, questi sono solo alcuni dei vantaggi che si ritrovano nell’utilizzo del Grafene e questo vale per ogni pneumatico in cui è aggiunto.
La carcassa è in Nylon da 26-220TPI mentre la protezione dalle forature è assicurata sia sui fianchi che al centro dalla tecnologia PRB 2.0. La garanzia di non forare non è totale, ma in questo caso ci avviciniamo quasi alla perfezione.
La scolpitura è studiata per agevolare un’impronta ottimale a terra, sia sul rettilineo che in curva, soprattutto in presenza di pioggia. Se la temperatura scende sotto gli zero gradi, il grafene viene in aiuto con i suoi vantaggi. Vittoria Rubino Pro Endurance G+ è un prodotto eccellente se siete alla ricerca di un tubolare all-round dalle prestazioni senza eguali nel 90% delle condizioni. Sia nel test sulla resistenza al rotolamento che sulla resistenza alle forature, si attesta su livelli molto vicini ai migliori copertoncini.


Leggi anche

Riduce da ore a minuti i tempi di preparazione degli attrezzi nello stampaggio di materiali compositi nell’industria aerospaziale e risulta particolarmente efficace per componenti in prepreg epossidico di fibra di carbonio realizzati sottovuoto e con stampaggio in autoclave….

Leggi tutto…

Polestar ha condotto il primo di una serie di crash test interni nell’ambito dello sviluppo dell’elettrica Polestar 1. Si tratta della prima volta che il Gruppo Volvo, attraverso il suo nuovo brand dedicato alla gamma a zero emissioni, valuta la resistenza della struttura in fibra di carbonio rinforzato da polimeri in una situazione che ricrea le condizioni di un incidente reale…

Leggi tutto…

Auto elettriche senza batterie, alimentate dall’energia immagazzinata nei telai in fibra di carbonio. Questo lo scenario possibile, frutto di uno studio condotto alla Chalmers University of Technology di Goteborg, in Svezia che ha dimostrato come le fibre di carbonio siano in grado di funzionare come gli elettrodi delle batterie tradizionali…

Leggi tutto…

E’ stata la frenata uno dei punti di forza del Team Ferrari che ha portato Sebastian Vettel al raggiungimento del secondo posto nel GP del Messico. In quest’occasione è stata utilizzata, in esclusiva per la Rossa, una nuova generazione di disco freno Brembo …

Leggi tutto…

Così come altre maggiori industrie globali, i sistemi di trasporto di massa “lottano” per migliorare l’efficienza e ridurre i costi di gestione. Per i progettisti di carrozze ferroviarie merci e passeggeri questo ha significato approcciare nuovi materiali e tecniche di produzione. Ne è un esempio l’uso massiccio di materiali FRP per produrre strutture di basso peso e alta resistenza. bigHead con la sua vasta esperienza nei fissaggi lavora a fianco dei progettisti dei clienti per trovare soluzioni ad hoc….

Leggi tutto…