Le turbine eoliche galleggeranno fino a 2000 metri

Wind Turbine Floats 2,000 Feet

Most wind turbine manufacturers are competing to build taller turbines to harness more powerful winds above 500 feet, or 150 meters. Altaeros is going much higher with their novel Buoyant Airborne Turbine: the BAT. The Altaeros BAT can reach 2,000 feet, or 600 meters.

The key enabling technologies include a novel aerodynamic design, custom-made composite materials, and an innovative control system. The helium-inflatable shell channels wind through a lightweight wind turbine, self-stabilizes, and produces aerodynamic lift, in addition to buoyancy. Multiple high strength tethers hold the BAT in place and a single conductive tether transmits power to a mobile ground station.

Remote customers typically pay over $0.30/kWh USD for electricity. The BAT has the potential to bring affordable wind energy to these communities and industries. The first model will provide enough electricity for a small community, or about a dozen American homes.

Much like other tethered balloons, the Altaeros BAT can lift communication, Internet and sensory equipment alongside the turbine to provide additional services for customers. The addition of payload equipment does not affect its performance.

Photo’s captation: Altaeros BAT trials


Leggi anche

Obiettivo del progetto, che unisce ricerca e industria, è quello di definire un nuovo standard di accessibilità per la produzione di parti composite strutturali stampate in 3D. Queste potranno quindi essere realizzate con la stessa facilità delle alternative metalliche, grazie agli innovativi strumenti di workflow Additive Fusion Technology. …

Leggi tutto…

È stato recentemente progettato e approvato un armadio di stoccaggio medico che verrà utilizzato da un operatore di soccorso aereo. Piloti e paramedici ritengono che il Medical Storage Cabinet sia molto utile per conservare in sicurezza l’attrezzatura nella cabina passeggeri….

Leggi tutto…

Un team di ricercatori dell’Università del Texas ad Arlington (UTA), guidati da Paul Davidson, assistente professore del Dipartimento di ingegneria meccanica e aerospaziale (MAE), sta mettendo a punto uno strumento predittivo che utilizzerà l’apprendimento automatico e strumenti computazionali, per determinare la vita, la durata e la sicurezza dei compositi utilizzati nella produzione di aeromobili….

Leggi tutto…

Il software Industry 4.0 è una soluzione di ottimizzazione, basata su AI e Industrial Internet of Things (IIoT), che automatizza e semplifica il tracciamento, la gestione e la pianificazione delle materie prime. Permette di massimizzare l’utilizzo del materiale fino al 3%, con una conseguente e significativa diminuzione degli sprechi e dei ritardi di produzione….

Leggi tutto…

Meccanismi innovativi per azionare e posizionare i pannelli solari, un adattatore universale in materiali compositi e il miglioramento dell’elettronica di rete centrale sono le novità che caratterizzano i razzi delle tre missioni Artemis: il rivoluzionario programma della NASA, che, dopo cinquant’anni, segna il ritorno dell’uomo sulla Luna. …

Leggi tutto…