Eos, tre nuovi materiali per la stampa 3D industriale

EOS annuncia un’espansione della sua gamma di materiali grazie alla distribuzione in Europa di tre polimeri ad alte prestazioni per l’additive manufacturing realizzati dalla controllata ALM. I materiali ALM, al pari di quelli EOS, sono stati sottoposti a test di qualità e a febbraio ha ricevuto formalmente la certificazione ISO 9001:2015

Leggi tutto…

I ricercatori dell’Università di Cambridge testano il grafene per l’utilizzo in assenza di gravità nello spazio

Il Prof. Andrea Ferrari del Cambridge Graphene Centre sostiene che potrebbe migliorare i sistemi di raffreddamento per i satelliti. Il grafene è un materiale forte, flessibile e possiede buone proprietà di conduzione di elettricità e calore. Questa combinazione unica di caratteristiche lo rende adatto per una vasta gamma di applicazioni, quali la comunicazione veloce dei dati, il miglioramento dei materiali strutturali e dei trattamenti dell’acqua

Leggi tutto…

Composites Germany pubblica risultati del decimo report semestrale sul mercato dei compositi

L’associazione di categoria tedesca ha rilasciato gli esiti del suo decimo sondaggio semestrale che identifica gli indicatori chiave di prestazione (KPI) per il mercato dei materiali fibrorinforzati (FRP). L’indagine ha riguardato tutte le aziende associate alle quattro organizzazioni ombrello di Composites Germany: AVK, CCeV, CFK-Valley e Hybrid Lightweight Construction Technologies

Leggi tutto…

Italia in prima linea con un satellite in fibra di carbonio per catturare i detriti spaziali

Un progetto ideato da uno scienziato italiano, con protagonista Remove DEBRIS, un piccolo satellite in fibra di carbonio il cui decollo è previsto a marzo 2018, che ci aiuterà a capire qual è il metodo migliore per fare pulizia dai detriti spaziali nell’orbita terrestre. Al momento, l’investimento economico è stato di 15 milioni di euro, finanziati per metà dalla Commissione Europea

Leggi tutto…

La fabbrica dei laser made in Italy punta sulla stampa 3D

La Prima Industrie, nella sua divisione Prima Power a Collegno, nella periferia di Torino, utilizza macchine ad altissima tecnologia, realizzate in granito sintetico e fibra di carbonio, per il taglio laser nei settori dell’aerospace e dell’automotive, per l’industria dei trasporti, per le macchine agricole e movimentazione terra, alle quali si sono recentemente aggiunti gli investimenti in ricerca per le stampanti 3D

Leggi tutto…

Nuovo materiale composito in fibra di carbonio pre-impregnato di Avio

Sesta missione positiva nel 2017, con i satelliti collocati perfettamente. Soddisfazione da parte di Avio, che produce i motori a propulsione solida e che a breve realizzerà il nuovo motore Zefiro 40 con un nuovo materiale composito in fibra di carbonio pre-impregnato direttamente in Italia nei propri laboratori di ricerca di Colleferro (Roma) e di Airola (Benevento)

Leggi tutto…

Aerospazio e compositi a Maker Faire

Tra i settori che più di tutti trainano l’innovazione c’è indubbiamente quello aerospaziale. A dimostrare come l’innovazione sia già in Italia ci sono lo stabilimento di Grottaglie di Leonardo e quello di Cameri di Avio Aero. Nel primo si realizzano componenti importanti del nuovo aereo 787 con materiali compositi in fibra di carbonio. Nel secondo, attraverso stampa 3D e additive manufacturing, vengono realizzate le pale e le turbine dei motori del 777 e del 787, da polveri di titanio e alluminio fino al prodotto finito.

Leggi tutto…

Con il grafene, nello spazio a vele spiegate

Scoperto nel 2004, il grafene è un materiale costituito da un singolo strato di atomi di carbonio, che potrebbe prestarsi a innumerevoli usi – compresi quelli spaziali – grazie alle sue eccellenti proprietà elettriche, meccaniche e termiche. In collaborazione con Esa, l’Agenzia spaziale europea, si sono conclusi la settimana scorsa due esperimenti in microgravità nell’ambito del Graphene Flagship, il progetto-bandiera europeo per lo sviluppo di applicazioni industriali del grafene.

Leggi tutto…

Oltre 400.000 ore di volo per il tiltrotor costruito quasi interamente in compositi

Il velivolo V-22 Osprey è stato spesso schierato, fin dalla sua entrata in servizio nel 2007, con l’United States Marine Corps (USMC) e l’Air Force Special Operations Command (AFSOC). Il tiltrotor ha visto un’uso intensivo in Afghanistan, come parte di Operation Enduring Freedom, in Iraq, come parte dell’Operazione Iraqi Freedom, e come parte di un Comando Centrale USA per scopi speciali a supporto di una forza di risposta rapida in situazioni di crisi a lungo raggio.

Leggi tutto…